Commenta

La “Salva-Torchio”
non salva più Torchio
“Davide batte Golia”

bozzolo_ev

Nella foto il comune di Bozzolo

BOZZOLO – Novità da Roma che toccano anche il piccolo comune di Bozzolo. In merito all’approvazione al Senato del decreto legge Enti Locali che dovrà essere convertito, con passaggio alla Camera, entro il 18 agosto e sullo stralcio dell’emendamento ribattezzato dalle minoranze di Bozzolo come “Salva-Torchio” prendono posizione la Portavoce del gruppo consigliare “Noi di Bozzolo” Sara Malagola, il Consigliere Regionale Anna Lisa Baroni, e il Capogruppo Lega Nord in Provincia Cedrik Pasetti.

“Siamo pienamente soddisfatti – sottolinea Sara Malagola – . Ieri è stato approvato al Senato il Decreto Legge Enti Locali con l’emendamento Salva-Torchio profondamente rimaneggiato rispetto a quello proposto dall’Anci. Viene meno pertanto l’ineleggibilità del Sindaco, il cui mandato è a scadenza, che decida di candidarsi in altro Comune, mentre rimane ineleggibile, chi come nel caso di Torchio, è consigliere comunale in un Comune e decida di presentarsi a Sindaco in altro Ente”. “Abbiamo restituito onorabilità alla cittadinanza bozzolese – prosegue Malagola – togliendola dall’imbarazzo nel quale l’ineleggibile l’aveva costretta improvvisandosi un abile circense con le leggi dello Stato pur di rimanere al potere”.

Duro anche il commento di Anna Lisa Baroni: “Il tentativo incostituzionale di rendere retroattivo l’emendamento che lo avrebbe potuto salvare non gli è riuscito. Il suo caso non è previsto dalla novità legislativa e Torchio rimane ineleggibile ma, ad ogni buon conto, la riforma non passa una spugna sul passato ma vale solo per l’avvenire come è giusto che sia in uno Stato di diritto”. Di fatto nessuna retroattività, dunque. “Torchio asseriva come la riforma fosse un atto dovuto per sanare le posizioni sua e di oltre 100 Sindaci – continua la Consigliere  regionale – ma né l’Anci né il Governo che ha inserito l’emendamento hanno ritenuto ci fossero i presupposti”.

“E’ stato cassato – esulta Cedrik Pasetti – il tentativo di rendere vana la sentenza del Tribunale di Mantova attraverso la politica, ora aspettiamo serenamente la decisione della Corte d’Appello ricordando che la mancata approvazione dell’emendamento denominato ormai “Ex Salva-Torchio” riporta con i piedi per terra l’uomo e i suoi accoliti che inneggiavano alla sua potenza politica e ci insegna che non sempre serve scomodare i presunti amici altolocati.  Un monito: a volte Davide vince ancora contro Golia”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti