Commenta

Festa della Zucca,
tra palio frazioni e
MasterChef Naponi

festa-zucca-2015-ev

Nella foto, la presentazione della Festa della Zucca 2015

CASALMAGGIORE – Bocconi di programma e assaggi di menù sono stati serviti nei giorni scorsi a Casalmaggiore e dintorni da una macchina organizzativa e mediatica ormai ben oliata. Sabato, a mezzogiorno e non poteva essere altrimenti, le portate della quarta Festa della Zucca che si terrà in piazza Garibaldi dal 24 al 27 settembre sono state svelate da ideatori e ospiti d’eccezione. Special guest, Alberto Naponi, celebre Masterchef cremonese che ha messo a frutto l’arte dolciaria di famiglia rubando la scena in tv ed ora riscoprendo un dolce tipico della tradizione casalasca, il cui nome, ‘Credo’, “potrebbe avere riferimenti religiosi”, ha spiegato il cuoco che darà il suo contributo rivisitando l’antica ricetta di una torta “il cui ingrediente principale è il pane biscottato”. Ma il menù diffuso sabato dagli organizzatori, gli Amici di Casalmaggiore rappresentati dal presidente Achille Scaravonati e da Maurizio Toscani, vedrà servito ai tavoli di un ristotenda mai così grande ed accogliente, due antipasti – uno casalasco, l’altro denominato ‘gelato del Po’ -, sei primi, tre secondi e tre dolci. “Ci sarà anche il buton da pajas“, anticipa Scaravonati, “che fu cavallo di battaglia proprio di Naponi a Masterchef”. La modernità sarà garantita da un hamburger speciale, le buone usanze dal ‘blisgon ad ier’, il tortello di zucca casalasco riscaldato. Dopo il ringraziamento del sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, in sala consiliare Toscani ha applaudito al grande lavoro delle volontarie che stanno producendo ormai da settimane i ‘blisgon’: il punto lo ha fatto Ettore Tamani, spiegando che “l’obiettivo è arrivare a 70mila tortelli, ora siamo a quota 10mila ma speriamo nei prossimi giorni di poter contare su un numero più elevato di rizdore, che non vedono l’ora di sfilare in occasione dell’inaugurazione della festa”.

E qui è stato introdotto il programma. Le cucine apriranno giovedì 24 settembre alle ore 19, mentre alle ore 20,30 si terrà il primo Palio delle Frazioni: “voci, racconti, soprannomi e giochi di una volta ci aiuteranno a riscoprire le nostre tradizioni”, ha sottolineato Toscani. Venerdì 25 alle 19,30 l’inaugurazione ufficiale con tanto di sfilata sia dei volontari e delle rizdore della cucina, sia degli atleti con disabilità che nel weekend parteciperanno in Baslenga ai Campionati Italiani Paralimpici di Atletica Leggera. Il tutto, accompagnato dal gruppo storico Il Torrione. In vicolo Chiozzi, riscoperto per l’occasione, verrà allestito il mercatino del bijou, mentre alle ore 21,30 si terrà la seconda sfilata ‘Cani in Passerella’, organizzata dall’associazione PlayDog Mileo. Sabato 26, alle ore 8, inaugurazione del mercato contadino a cura di Coldiretti, mentre a mezzogiorno sarà possibile pranzare nel ristotenda. Alle 15,30 ‘Piccoli pasticceri crescono’, scuola di cake design per bimbi dai 6 ai 12 anni guidata dagli animatori de ‘La buona Forchetta’ di Fidenza. “Il format dei baby masterchef piace – ha spiegato la referente del corso, Micaela Bosi -. L’iscrizione ha il costo contenuto di 15 euro”. Per adesioni, contattare il numero 3203787406. Alle ore 17 verrà tolto il velo sulla mostra ‘Bijou tra i monti: le perle di Boemia’, allestita al Museo del Bijou. In serata, cena a partire dalle ore 19,00 e Ruvido Band in concerto alle 21,30.

Domenica 27 il gran finale, con la novità del Palio della Zucca, organizzata dal casalese Andrea Visioli: “Sarà una corsa che unirà l’aspetto amatoriale e non competitivo, quindi aperta a tutti, a quello agonistico visto l’inserimento della tappa nel Criterium Provinciale e Uisp come ottava prova di corsa su strada”. La particolarità? “Verranno percorse le vie del centro storico e anche luoghi solitamente poco frequentati dai casalesi. Il circuito, di circa 2,8 chilometri, si snoderà anche in vicolo del Tesoro, salendo per le scale di Palazzo Melzi, correndo sulla balconata e scendendo poi in via Baldesio. Vi saranno passaggi suggestivi nei pressi del Torrione, a casa Sartori e nel cortile di Palazzo Chiozzi”. Il via, per i bambini, sarà alle ore 9, poi a seguire le altre categorie. Per iscriversi, contattare il numero 3355497711. A pranzo cucine operative, per soddisfare gli appetiti di una lunga giornata che vivrà alle ore 15,00 l’apertura straordinaria della Torre Littoria, con le Guardie Ecologiche Volontarie che accompagneranno i visitatori sino in cima. Al contempo, sarà possibile farsi guidare dagli studenti del Polo Romani di Casalmaggiore tra le bellezze della mostra itinerante ‘Spaesamenti’.

Sport protagonista dalle ore 17,00, con la presentazione del libro ‘Monster’, scritto dall’atleta paralimpico di Martignana di Po Andrea Devicenzi. A seguire, sfilata del team Casalmaggiore Rugby. Alle ore 18,30 piazza Garibaldi si colorerà di rosa per la Pomì Casalmaggiore, che saluterà i propri tifosi e canterà per la prima volta il nuovo inno ideato da Alessandro Zaffanella e gli Alterego. Per le campionesse d’Italia, l’istituto alberghiero Magnaghi di Salsomaggiore, che sarà impegnato ai fornelli nel corso della festa, preparerà una portata speciale: il piatto Pomì. La cena conviviale sarà poi allietata dal pianobar con Raffaele e Saba. Da giovedì a sabato, come illustrato da Davide Cavalli, il Fotocine Germani terrà un concorso fotografico riservato ai giovani sino ai 14 anni: ‘Fotografa la zucca’ è il titolo dell’iniziativa che assegnerà premi alle migliori fotografie pervenute all’indirizzo email fotocinecasalasco@gmail.com. Quelle selezionate dalla giuria verranno esposte nella sede della Pro Loco e la più votata diverrà l’immagine di copertina della Festa della Zucca 2016. Come dire, l’appetito vien mangiando e anche gli organizzatori – che doneranno il ricavato in beneficenza – già pensano alle future edizioni.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti