Commenta

“Pomì irriconoscibile”
Il mea culpa
dopo Modena

palapanini-modena-ev

Nella foto, la coreografia di domenica al PalaPanini di Modena

MODENA – Al PalaPanini si è vista una sola squadra in campo, la Liu Jo Modena. Ecco perché l’ex coach di Casalmaggiore, Alessandro Beltrami, subito dopo il 3-0 inflitto dalle sue alla Pomì nel big match dell’ottava giornata di A1, è letteralmente entusiasta. “E’ stata una partita quasi perfetta, il mio compito è cercare sempre cosa potrebbe non andare. Siamo stati perfetti in battuta, hanno fatto come avevo detto alle ragazze in settimana, muro difesa anche, ma ancor più per i tocchi che per i muri punto perché questo ha aiutato la difesa e innervosito loro. Abbiamo tenuto lo stesso ritmo quasi sempre, siamo calati solo all’inizio del terzo quando siamo andati dietro alle cose che loro hanno cambiato, ma erano in grossa difficoltà. Non è neanche dicembre, la strada è ancora lunga, come ha detto anche Barbolini ci sono 6-7 squadre quest’anno che possono vincere a differenza delle 3-4 dell’anno scorso”.

A parlare, mentre le rosa erano negli spogliatoio per un faccia a faccia col tecnico Massimo Barbolini, sono le modenesi, con l’opposta Valentina Diouf: “Loro hanno avuto una reazione nella prima metà del terzo set, era anche aspettata perché non era il loro gioco quello che avevano espresso fino a quel momento. Noi siamo state brave a mantenere la lucidità e a continuare sulla nostra strada. E’ stato importantissimo anche lo studio della partita, ci siamo concentrati per l’intera settimana su di loro, le abbiamo studiate bene e siamo riuscite a prendere in tutti i loro punti deboli. Penso che non ci siamo mai nascoste per quanto riguarda i nostri obiettivi, stiamo mettendo tutti i punti che possiamo in cascina, continuiamo così e basta. Il nostro obiettivo rimane sempre quello”.

Il commento tra le fila rosa è del direttore generale Giovanni Ghini, visto che a fine partita coach Massimo Barbolini ha subito convocato la squadra negli spogliatoi per una disamina sulla debacle: “Una Pomì irriconoscibile, mai di fatto in campo – afferma il dirigente casalese –. Indubbiamente si sono fatte sentire le molte partite che abbiamo nelle gambe, mentre le nostre avversarie negli ultimi 15 giorni hanno riposato. Ma va dato atto a Modena di aver disputato una bella partita, ben preparata e ben giocata in campo. Noi dobbiamo recriminare soprattutto sull’atteggiamento mai determinato della nostra squadra, ma sono sicuro che già da giovedì, quando al PalaRadi incontriamo Bolzano, la formazione sarà in grado di tornare a dare dimostrazione del proprio carattere”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti