Commenta

Ladri in casa prima
che la residente tornasse
con le nipotine

furto-bozzolo-ev

Nella foto, la residente rimette a posto casa dopo il furto

BOZZOLO – Il paese torna sotto assedio. Dopo una breve parentesi i ladri hanno ripreso a depredare le case di Bozzolo senza più distinguere le ville dei benestanti da quelle poco appariscenti delle famiglie semplici. Tre giorni dopo aver svaligiato l’abitazione di un pensionato in via Bixio che ha dovuto poi chiamare la guardia medica per un malore causato dalla vista delle stanze svaligiate, mercoledì i malviventi si sono spostati in via Arnaldo da Brescia entrando nella casa di una famiglia rumena. Mentre la mamma era al lavoro, poco dopo le ore 16 il padre ha prelevato le due figlie minorenni portandole a casa di una zia. E’ stato a quel punto che il ladro è entrato in azione passando da un cortiletto interno da cui, appoggiando i piedi su un lavello esterno è arrivato alla finestra del tinello entrandovi dopo aver sollevato la tapparella. Un tempo le finestre erano protette da griglie in ferro che, ci riferisce una componente della famiglia, sono state rubate in precedenza. Facile quindi entrare in casa dove però dei soldi non c’è n’erano.

Sono state rotte delle suppellettili, tra cui il portascarpe in legno che si trovava proprio sotto la finestra aperta e aperti i cassetti in camera da letto. Ma di cose di valore quasi nulla. Messe le mani sul portagioie è saltata fuori solamente qualche spilla di bigiotteria. Poi la fuga attraverso un’altra finestra camminando su un tetto basso di eternit. La bimba più grande però si è accorta successivamente che un orologio funzionante e soprattutto il braccialetto d’oro ricevuto per la sua prima comunione non c’erano più. Grande preoccupazione e ansia da parte della nonna specialmente al pensiero che il ladro avrebbe potuto entrare prima e trovare le due nipotine sole in casa. Preoccupazione non condivisa dalla bimba più grande, di dieci anni, la quale senza alcun timore riferisce che avrebbe ricevuto il malvivente con un pugno in faccia. “Sai io vado al corso di karate”: dice sicura di sé.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Tags,
Commenti