Commenta

Composad, incontro
a Mantova: "Prospettive
incoraggianti"

composad-ev

MANTOVA VIADANA – Lungo e complesso incontro venerdì pomeriggio a Mantova per la delicata questione che vede i lavoratori della Composad in agitazione per il contratto di lavoro. La riunione, durata quasi tre ore  si è svolta in una sede messa a disposizione dall’Ente Provinciale ed ha visto seduti difronte i rappresentanti dell’Adl Cobas che da una settimana sostengono i lavoratori nella difficilissima lotta, la Lega Cooperativa Mantova e lombarda e i vertici della Cooperativa Facchini di Viadana più altre organizzazioni sindacali.

In conclusione tutti i convenuti si sono dati un terzo appuntamento fissando una nuova riunione per le 14 di lunedì prossimo. Questo perché, così come riportato da Stefano Re dei Cobas è necessario valutare meglio la situazione che al momento attuale appare delicatissima e non di facile soluzione. Ciò che più preoccupa maggiormente quanto trapelato dai colloqui dei partecipanti nel sottolineare il cattivo stato di salute della cooperativa. Una situazione finanziaria che potrebbe essere alla base della mancata applicazione del contratto nazionale di lavoro finora reclamato dai dipendenti che sono pure soci della stessa Facchini.

Sulle voci circolanti in merito ad una possibile cessione dell’associazione creata da Paolo Zanazzi e presieduta da Ismail arriva la secca smentita dello stesso Zanazzi e di Attilio Fadda responsabile Lega Coop Lombardia. “Questa è una trattativa appena partita che vede diversi soggetti impegnati ad un tavolo per trovare la soluzione più idoenea. Siamo appena partiti – sottolinea Fadda – e sicuramente le prospettive sono incoraggianti”.

Intanto anche i lavoratori, che venerdì alle 13 hanno ripreso ad entrare in Composad, nella notte avevano già smantellato il presidio levando la tenda che li ha ospitati diverse notti di seguito. Tutta l’area è stata ripulita nella miglior maniera differenziata possibile. Ponendo la plastica in appositi sacchi e il cartone piegato nel baule di un operaio indiano che l’ha poi conferito in discarica.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti