Commenta

La Pomì vola
alla final four
di Coppa Italia

Casalmaggiore vince 3-1 contro Scandicci e conquista la semifinale: a Ravenna, il 19 marzo, sfiderà Bergamo.
12714273_1744397415780221_1470245553_n
Foto Sessa

Coppa Italia, quarti di finale

Pomì Casalmaggiore – Savino del Bene Scandicci 3-1 [25-18; 18-25; 25-22; 25-19]

Casalmaggiore: Lloyd 1, Sirressi (L), Gibbemeyer 9, Cambi, Piccinini 6, Kozuch 16, Stevanovic 17, Tirozzi 14. Non entrate: Bacchi, Cecchetto, Ferrara, Olivotto, Rossi Matuszkova. Allenatore Barbolini, vice Bolzoni.
Scandicci: Arias 2, Stufi 8, Alberti 3, Loda 12, Fiorin 7, Pietersen 5, Merlo, Nikolova 25, Ikic, Rondon 5. Non entrate: Scacchetti, Giampietri. Allenatore Bellano, vice Azzini.
Arbitri: Vagni – Simbari.

NOTE – Spettatori 1933.

CREMONA – Pomì Casalmaggiore e Savino del Bene Scandicci si contendono un posto nella final four di Coppa Italia, in programma il 19 e 20 marzo a Ravenna. Al PalaRadi si gioca un quarto di finale tutto da vivere.

PRIMO SET – Piccinini in campo dall’inizio e Casalmaggiore parte lancia in resta, costringendo subito coach Bellano al primo time out. Il doppiaggio arriva sul 10-5 ma serve un muro di Stevanovic per andare allo stop sul 12-8, dopo una parziale risalita toscana. Col pallonetto di Kozuch la Pomì tiene a distanza Scandicci: 15-11. Tirozzi in lungo linea aumenta il gap: 19-14. Ancora il capitano per il 21-15 che lancia le rosa verso la conquista del primo parziale. La potenza della 16 di casa è devastante per il 24-17: a chiudere i conti è però Kozuch, 1-0 Pomì.

SECONDO SET – Le toscane attaccano il parziale con piglio diverso e sfruttando una Pomì impacciata comandano le danze portando il set al time out tecnico sul 7-12. Il divario lievita: sul 7-14, contestato da Sirressi e compagne, coach Barbolini è costretto ad un nuovo stop. Nel momento più difficile, Casalmaggiore prova a tirare fuori le unghie: con la murata di Stevanovic il tabellone segna 12-16. Il break dura poco, la Savino del Bene torna a macinare punti fino al 13-20. La Pomì fatica a rientrare e Scandicci chiude col punto esclamativo: 18-25 e 1-1.

TERZO SET – Parte meglio la Pomì, ma ad ingranare poi è la Savino del Bene che supera le rosa sul 7-8: il pari arriva con Kozuch, 9-9, dopo che Barbolini si è visto costretto al time out per scuotere un’appannata Casalmaggiore. Tirozzi timbra il 12-10, Kozuch alza il muro del 13esimo punto locale. Nikolova prova a ridare fiato alle toscane: 16-13. Kozuch toglie le castagne dal fuoco, troncando la rimonta di Rondon e compagne col 17-15. Sul più bello la Pomì s’incarta: buon per le rosa che Nikolova s’irretisca regalando il 21-20. Scandicci insiste sulla 14 mancina che a forza di martellare, s’inchioda: sua l’infrazione del 22-20. Mentre Bergamo conquista la final four vincendo 3-0 a Novara, Casalmaggiore si complica la vita e sul pari toscano Barbolini chiede il time out: 22-22. Cambi in battuta, Stevanovic a muro: stesso copione per due punti che danno il 2-1 alla Pomì.

QUARTO SET – Kozuch prende a sberle Scandicci e il quarto parziale pende subito da parte locale: sull’8-4 coach Bellano prova ad interrompere per far rifiatare le sue. Il crescendo casalese non si ferma al time out tecnico è già 12-6 rosa. Il 21-17, made in Usa, fa esultare il PalaRadi: scollinati i venti, per la final four inizia il count down. Kozuch tuona il 24-18, un tocco del muro toscano su Stevanovic vale il 25-19: Casalmaggiore, per la prima volta nella propria storia, è in semifinale di Coppa Italia di A1.

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti