Commenta

Sabbioneta, rimpasto: nella
nuova giunta gli assessori
sono Balestrieri e Sancono

“Le polemiche di questi giorni della locale sezione del Pd spiacciono - ha voluto precisare Vincenzi - così come la loro scelta di uscire dalla maggioranza. La maggioranza, naturalmente, è compatta e decisa nel portare a termine il programma".
sabbioneta-ev

SABBIONETA – A Sabbioneta il rimpasto è servito. Venerdì mattina il sindaco Aldo Vincenzi ha infatti formalizzato la redistribuzione delle nuove deleghe di giunta e lo ha fatto precisando prima di tutto che il vicesindaco Luigi Barili si è dimesso per motivi personali, restando comunque in consiglio. L’assessore ai Servizi Sociali sarà Monalisa Azzali (nata a Bozzolo il 21 gennaio 1975), che diviene così anche vicesindaco; assessore al Bilancio e Risorse Umane sarà Claudio Balestrieri (Mantova, 24 dicembre 1946); Francesca Mambrini (Casalmaggiore, 14 ottobre 1987) è invece l’assessore alla Pubblica Istruzione e Politiche Giovanili. Infine Gianluca Sancono (Reggio Calabria, 15 luglio 1979) diventa assessore all’Agricoltura, alla Biblioteca, ai Rapporti con le Associazioni, allo Sviluppo economico, quale assessore entrante d’area democratica. Il sindaco Vincenzi si riserva le deleghe relative a Cultura e Turismo, Sito Unesco, Ambiente, Lavori Pubblici e Urbanistica, Sport. Il nuovo capogruppo di maggioranza sarà Stefano Sarzi Amadé. Di fatto le due novità principali riguardano Sancono, che da consigliere diventa assessore, e Balestrieri, che fungerà da assessore esterno.

“Le polemiche di questi giorni della locale sezione del Partito Democratico spiacciono – ha voluto precisare Vincenzi – così come la loro scelta di uscire dalla maggioranza. La maggioranza, naturalmente, è compatta e decisa nel portare a termine il più possibile del programma elettorale. Ci siamo presi l’impegno di amministrare la nostra realtà per risolvere qualche problema e provare a migliorare alcune situazioni e lo faremo sino in fondo. Le passate amministrazioni perdevano pezzi lungo il percorso, questa no, segno che tutti i consiglieri credono nel progetto e remano nella stessa direzione”.

“Vorrei poi spendere due parole per i proclami (dopo la fuoriuscita del Pd) da guerra fredda di Tognini sulla stampa – prosegue con tono polemico Vincenzi – non so se scritti di suo pugno o suggeriti da qualcuno. Tognini forse non sa che il comune di Sabbioneta è capofila, con la provincia di Cremona, del progetto PSL che vede coinvolti oltre 40 comuni mantovani e cremonesi oltre a diverse categorie economiche del nostro, coerente ed uniforme, territorio; oltre a ciò Sabbioneta è capofila del progetto di sviluppo turistico OP (Oglio Po) e del DAT (distretto dell’attrattiva), finanziato da Regione Lombardia; quindi non so dove vede l’isolamento di Sabbioneta, visto che dopo anni siamo fulcro territoriale. In secondo luogo gli consiglierei, se vuole tra tre anni essere pronto per amministrare un comune complesso come il nostro, di scrivere meno articoli strumentali e leggere qualche documento in più, perché l’amministrazione la si fa con gli atti e le delibere, non con le parole da perenne campagna elettorale. Da ultimo mi preme tranquillizzare il consigliere: Balestrieri resterà sinché lo riterrà opportuno, per aiutare l’amministrazione a risolvere i tanti problemi lasciati sul tavolo e contribuire a lasciare un paese un po’ migliore”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti