Commenta

Dal casalasco
all'udienza di
Papa Francesco

Tanti i pellegrini dal nostro territorio che sabato mattina hanno riempito piazza San Pietro.
Paolo Voltini_Costantino Vaia_Udienza Giubilare-papa-ev
Voltini, don Pisani e Vaia con Papa Francesco

ROMA – Cinquantamila i pellegrini che sabato mattina hanno riempito piazza San Pietro per seguire l’udienza che Papa Francesco tiene un sabato al mese per incontrare i fedeli che giungono a Roma da tutto il mondo per il Giubileo della misericordia. Durante tutta la durata dell’incontro la numerosa delegazione dei soci del Consorzio Casalasco (Pomì) e del Consorzio Agrario ha assistito con grande partecipazione all’incontro. Al termine dell’udienza il Presidente dei due consorzi Paolo Voltini con i rispettivi Direttori Costantino Vaia e Pietro Pagliuca, accompagnati da Don Luigi Pisani – parroco di Rivarolo Re – hanno potuto interloquire direttamente col Santo Padre consegnandogli personalmente un violino, simbolo distintivo della comunità Cremonese, proveniente dalla prestigiosa Scuola internazionale di Liuteria di Cremona che ogni anno forma studenti provenienti da ogni parte del mondo. Il violino, recante il simbolo dell’anno giubilare, è stato consegnato con l’intenzione di destinare il prezioso strumento agli studenti della “Scholas Occurrentes”: una rete d’istituti scolastici fondata dal Santo Padre nei quartieri di Buenos Aires impegnata nella formazione dei giovani attraverso la tecnologia, lo sport e l’arte, con particolare attenzione alla musica, per promuovere l’integrazione sociale e la cultura dell’incontro per la pace. Si è trattato di un’occasione unica di grande coinvolgimento emotivo che ha profondamente toccato tutti i soci.

All’udienza con Papa Francesco hanno presenziato anche altri pellegrini del territorio casalasco. Da Gussola, è partita una delegazione del Comune e del Motoclub Angelo Bergamonti.

I gussolesi in piazza San Pietro

I gussolesi in piazza San Pietro

© Riproduzione riservata
Commenti