Commenta

Nardi attacca la giunta
di Bozzolo: "Incartamenti
e tempistiche poco chiare"

L’argomento riguarda l’assegnazione per l’attività di trasporto protetto. Nardi sfogliando le carte inerenti le manifestazioni di interesse presentate ha rilevato l’assenza di timbri e certificazione da parte di una associazione aspirante.
consiglio-bozzolo_ev

BOZZOLO – “Non si tratta di fare le pulci a nessuno, ma semplicemente constato come ultimamente si trovino delle stranezze all’interno di atti amministrativi del nostro Comune”. Questo il senso del discorso che Sergio Nardi, solo da poche ore ufficialmente ex assessore quattro mesi dopo aver restituito le deleghe ai Lavori Pubblici, tiene a sottolineare. Anche per chiarire le ragioni del suo atteggiamento contestatore che lunedì sera lo ha spinto a lasciare l’aula ancora prima che il sindaco dichiarasse chiusa l’assemblea.

L’argomento riguarda l’assegnazione per l’attività di trasporto protetto. Un conferimento importante perché coinvolge tutte quelle persone, anziani e disagiati che non sono in possesso di mezzi propri per spostarsi. Nardi sfogliando le carte inerenti le manifestazioni di interesse presentate ha rilevato l’assenza di timbri e certificazione da parte di una associazione aspirante. “C’è poi una contraddizione evidente – spiega Nardi – laddove si legge che la stessa associazione nell’elencare i requisiti relativi all’assistenza sociale, alla formazione, alla tutela e valorizzazione ambientale e alla promozione culturale manca di elencare quello relativo al trasporto che è poi il nocciolo del bando. Un’assenza rilevata proprio dalla Commissione comunale esaminatrice, che però quindici giorni dopo invece viene attribuita, contraddicendo in toto quanto rilevato nella determina precedente. Come mai si sono attese due settimane prima di giungere a simili conclusioni quasi si volesse dare tempo a qualcuno di aggiornare questa specie di curriculum?” si chiede Sergio Nardi che contesta anche l’appalto di 31mila euro concesso per la cura del verde a Bozzolo, oltre a lasciar intendere prossimi interventi sulle carte e i fascicoli a suo parere meritevoli di attenzione.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti