Commenta

Match d'alta quota
al PalaRadi:
Pomì vs Modena 3-1

Casalmaggiore ospita la Liu Jo per una sfida che profuma di playoff. Vince la Pomì con un quarto set ribaltato solo nel finale.
12325088_1748110138742282_1275746131_n
Foto Sessa

Lega Volley Femminile, Serie A1, ottava giornata di ritorno

Pomì Casalmaggiore – Liu Jo Modena 3-1 [23-25; 25-22; 25-15; 27-25]

Casalmaggiore: Lloyd 5, Sirressi (L), Gibbemeyer 12, Cambi, Piccinini 19, Kozuch 7, Stevanovic 13, Tirozzi 13, Matuszkova 6. Non entrate: Cecchetto, Bacchi, Ferrara, Olivotto. All. Massimo Barbolini, vice Bolzoni.
Modena: Bertone 3, Gamba 1, Rivero 11, Folie 6, Arcangeli 2, Ferretti 2, Diouf 13, 15 Squarcini 3, Scuka 3, Horvath 19. Non entrate: Carraro, Heyrman, Di Iulio. Allenatore Beltrami, vice Enrico Barbolini.
Arbitri: Lot – Zanussi.
Note: 3020 spettatori.

CREMONA – Secondo match consecutivo al PalaRadi per la Pomì Casalmaggiore che ospita la Liu Jo Modena per una sfida che profuma di playoff. Prima volta del team emiliano al PalaRadi: a disposizione dell’ex Alessandro Beltrami, un roster mutilato dalle assenze di Di Iulio e Heyrman.

PRIMO SET – Con gli ace di Kozuch prima e di Tirozzi poi, le rosa fanno gli onori di casa: il primo time out lo chiama Beltrami quando il tabellone segna 7-4. Modena risale e complice un errore di Tirozzi passa a condurre: 10-11. Il capitano rosa sfrutta le mani del muro emiliano per tenere Casalmaggiore in scia: 13-15. Diouf risolve il punto più intricato dell’avvio: le risponde il muro di casa, con Stevanovic e Gibbemeyer in successione: 16-16. Il 16-18 manda in visibilio Beltrami. Kozuch s’incarta, Barbolini la sostituisce con Matuszkova che risponde subito presente: 19-21. Muro a uno della 18 rosa su Horvath: 21-22 e Beltrami spende un altro time out. Ancora Matuszkova per il 23-23. Il punto decisivo è di Modena: Horvath respinge Stevanovic per il 23-25.

SECONDO SET – Con Folie al servizio la Liu Jo muove i primi passi del parziale: 0-2. Lo scarto aumenta con Horvath in battuta: sul 2-6 Barbolini chiede il time out. Kozuch, Piccinini, Gibbemeyer: le rosa tornano a -2 e una schiacciata di Diouf sul nastro fa 6-7 con Beltrami a stoppare il set. Black out di Modena: Piccinini non molla il servizio e con Tirozzi tornata efficace si ribalta il punteggio: 10-7. Il PalaRadi alza i decibel con le rosa che scappano sul 15-10: time out modenese. Piccinini sale in cattedra: 19-13. Ace di Stevanovic: 22-13. Diouf spara fuori e interrompe una breve risalita emiliana: 23-17. Horvath inchioda la ricezione rosa dalla battuta, la Liu Jo torna ad un’incollatura: 23-22 e Babrolini rigetta nella mischia Matuszkova. È Gibbemeyer l’arma in più della Pomì nel finale di parziale: 25-22 e 1-1.

TERZO SET – Attimi di apprensione sul 5-4 rosa: Floriana Bertone resta a terra dopo una caduta e deve uscire in barella dopo le cure sul posto dei sanitari della Padana Soccorso. Gli applausi del PalaRadi sono per la sfortunata giocatrice della Liu Jo. Modena riattacca meglio ma tra le fila rosa è un crescendo della Picci: 17-13 e Beltrami spende un time out. Con Tirozzi a forzare in battuta, Casalmaggiore sfrutta anche le amnesie delle emiliane: 22-13. Si chiude 25-15, la Pomì ora è avanti 2-1.

QUARTO SET – Il parziale si apre con le rosa in imbarazzo di fronte ad una Liu Jo che se la gioca con autorità nonostante una formazione infarcita di seconde linee. Sul 4-10 Barbolini si vede costretto a chiedere il time out per provare a scuotere Tirozzi e compagne. Kozuch perde la misura: entra ancora Matuszkova, ma non rientra Casalmaggiore che resta attardata nonostante i muri di Gibbemeyer: 13-18. Tirozzi sfinisce le difese modenesi per il 14-18, Matuszkova trova il varco del -3. Terry ci prende gusto e mette giù anche il 17-18. Stevanovic mura Diouf: 18-19. Due proteste filate per la Pomì accendono il PalaRadi ma rilanciano Modena, che scatta a +4. Piccinini firma il 20-22. Ace di Gamba: 20-24. Ace di Stevanovic: 22-24. L’ex di turno Piccinini: 23-24. Rivero spara out: 24-24. Ai vantaggi la sequenza decisiva è Gibbemeyer – Piccinini: 27-25 e 3-1 rosa.

Simone Arrighi

SEGUONO AGGIORNAMENTI

© Riproduzione riservata
Commenti