Commenta

Che sabato fantastico:
il Rugby Viadana conquista
il suo secondo Trofeo Eccellenza

Viadana parte bene e non molla mai l'obiettivo: quando il team giallonero va a +10 poco dopo la mezzora ed il piazzato di Nikora, a cinque minuti dalla fine, serve solo a ridurre il passivo, ecco che il Trofeo Eccellenza 2016 è del Rugby Viadana.
rugby-viadana-eccellenza_ev
Nella foto il Rugby Viadana in festa

BOLOGNA – Il Rugby Viadana 1970 mette in bacheca il Trofeo Eccellenza 2016. Un secondo tempo veemente vale il bis nella competizione dopo il successo del 2013, una vittoria importante che premia il lavoro di una squadra che è rimasta unita anche durante le difficoltà e che oggi può festeggiare a seguito di una prestazione di ottimo livello contro un Petrarca Rugby nella prima frazione di gioco ha saputo scavare un primo solco, ma che non ha saputo arginare l’ondata giallonera della ripresa.

La Cronaca (Ufficio Stampa Federugby)

Il primo attacco del match è del Petrarca: niente di fatto, ma è la prima dimostrazione di forza del pack veneto in avvio di gara. Viadana prova a ripartire dai propri ventidue, conquista un piazzato e va in penaltouche, ma perde il possesso dell’ovale. Al decimo il Viadana sblocca il risultato con McKinley dalla piazzola, dopo un crollo della prima mischia padovana.  Si riprende e Padova spinge sull’acceleratore, ma la reazione non è lucida ed i tuttineri vanificano una bella velocità nel proprio attacco con un turn-over.

Al quarto d’ora pasticcio della mediana viadanese mentre i gialloneri cercano di uscire dai propri ventidue, con un pallone non controllato da McKinley che commette in avanti regalando un possesso prezioso a Conforti e compagni. La mischia di Padova avanza, conquista il piazzato e Nikora dalla piazzola pareggia. Gli avanti petrarchini si ripetono sul calcio d’invio, imbastendo un maul avanzante che li riporta ampiamente nella metà campo avversaria: nuova opportunità per Nikora, che non sbaglia e porta i veneti sul 6-3.

Al ventiseiesimo Petrarca ruba una touche a Viadana dopo un ampio guadagno territoriale innescato dal piede di Menniti-Ippolito, ma dopo un maul avanzante che porta i padovani vicini alla marcatura la difesa viadanese li costringe al tenuto. Viadana, in evidente difficoltà con i primi cinque uomini, respira. Il piede dell’estremo padovano Menniti tiene costantemente sotto pressione Viadana ed al trentaquattresimo, sull’ennesimo calcio alto del numero quindici in nero, arriva una nuova chance dalla distanza per Nikora, che nonostante la distanza non sbaglia: 9-3.

Nel finale di primo tempo, da mischia ordinata, Padova fa indietreggiare ancora il pack avversario offrendo al proprio numero dieci il quarto tentativo del match per mettere punti al piede. Questa volta, il  numero dieci neozelandese colpisce il palo, si va a riposo sul 9-3 per il Petrarca. Viadana cambia la prima linea all’intervallo ed è subito evidente che, nella sfida tra gli avanti, qualcosa è cambiato. Al 6’ gli uopmini di Steyn accorciano con McKinley dopo una penetrazione verticale dentro i ventidue padovani che termina con un fallo veneto su punto d’incontro.

L’inerzia è per i lombardi, che al decimo pareggiano ancora con McKinley dalla piazzola. Quattro minuti ancora e Viadana allunga, con Delnevo che inventa un incredibile offload lungo la linea dell’out innescando Amadasi, che brucia in velocità il diretto avversario e vola oltre  la linea di meta. McKinley trasforma il 16-9.   Ancora la mischia viadanese, rivitalizzata dal cambio dei due piloni, manda McKinley per i pali al ventunesimo ed il numero dieci irlandese non sbaglia, portando sopra-break i suoi: 19-9.

Nikora, poco dopo, tiene Petrarca in partita con il suo quarto centro di giornata. Si entra nell’ultimo quarto d’ora di gioco, Padova ha una nuova punizione appena fuori dai ventidue avversari dopo un bel mail avanzante ma decide di andare in touche invece che cercare i pali: Nikora va in rimessa, i veneti conservano il possesso e sembrano poter avanzare con il maul, ma il loro attacco è vanificato da un muro irregolare. E’ l’ultima vera chance per il Padova: Viadana va a +10 poco dopo la mezzora ed il piazzato di Nikora, a cinque minuti dalla fine, serve solo a ridurre il passivo. Il Trofeo Eccellenza 2016 è del Rugby Viadana.

Bologna, Stadio “Pierpaolo Bonori” – sabato 9 aprile 2016

Trofeo Eccellenza, Finale

Rugby Viadana v Petrarca Padova 22-15

Marcatori: p.t. 10’ cp. McKinley (3-0); 18’ cp. Nikora (3-3); 21’ cp. Nikora (3-6); 34’ cp. Nikora (3-9); s.t. 6’ cp. McKinley (6-9); 10’ cp. McKinley (9-9); 14’ m. Amadasi tr. McKinley (16-9); 21’ cp. McKinley (19-9); 23’ cp. Nikora (19-12); 32’ cp. McKinley (22-12); 35’ cp. Nikora (22-15)

Rugby Viadana: Apperley Ke.; Manganiello, Brex, Pavan G. (10’ st. Gabbianelli), Amadasi (35’ st. Gennari); McKinley (cap), Apperley Kh.; Grigolon, Du Plessis, Delnevo (36’ st. Denti And.); Gerosa, Krumov; Romano (1’ st. Irving), Scalvi, Cafaro (1’ st. Denti Ant.). all. Steyn

Petrarca Padova: Menniti-Ippolito; Bettin, Favaro F. (30’ st. Belluco), Benettin, Rossi; Nikora, Soffiato (34’ st. Francescato); Conforti (7’-13’ pt. Targa), Nostran (31’ st. Larsen), Salvetti (11’ st. Targa); Michieletto (15’ st. Trotta), Gower; Rossetto (8’ st. Iacob), Ferraro (34’ st. Milani), Acosta (34’ st. Delfino). all. Cavinato

arb. Schipani

Note: giornata piovosa, terreno duro ma in buone condizioni. In tribuna il Vice-Presidente federale Antonio Luisi. 1200 spettatori circa.

Calciatori: McKinley (Viadana) 7/7; Nikora (Petrarca Padova) 5/6

Albo d’oro Trofeo Eccellenza:

2011 Rugby Roma

2012 Calvisano

2013 Viadana

2014 Fiamme Oro

2015 Calvisano

2016 Viadana

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti