Commenta

"Ero straniero e mi avete
accolto": serata d'eccezione
col Vescovo dei migranti

I promotori dell'iniziativa sono Gli Amici del dialogo, l'Associazione viadanese Hope in progress e la Consulta Viadanese del Volontariato, che hanno voluto proporre alle comunità della zona, "una riflessione inedita e di prima mano sul fenomeno delle migrazioni".
mogavero_ev
Nella foto monsignor Mogavero

VIADANA – “Ero straniero e mi avete accolto: i migranti, sfida all’Europa, disattenta e apatica: valorizzare una risorsa inesplorata” è il titolo della serata organizzata a Viadana, venerdi 15 aprile alle ore 21, con un ospite d’eccezione: mons. Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo (TP) che racconterà la propria missione tra i migranti che approdano in Sicilia, sulle sponde della sua diocesi e che per la sua opera nei loro confronti è stato denominato “vescovo dei migranti”.

I promotori dell’iniziativa sono Gli Amici del dialogo, l’Associazione viadanese Hope in progress e la Consulta Viadanese del Volontariato, che hanno voluto proporre alle comunità della zona, “una riflessione inedita e di prima mano sul fenomeno delle migrazioni che assume proporzioni sempre più drammatiche ed interpella le coscienze di tutti, senza alcuna distinzione, dai semplici cittadini ai politici, dalle comunità parrocchiali fino ai vertici della Chiesa”: ricordiamo che prossimamente Papa Francesco si recherà in Grecia insieme al patriarca Bartolomeo a portare la propria solidarietà ai profughi dell’isola di Lesbo.

“Trattandosi di un esodo destinato ad aumentare per svariate ragioni, non è più possibile rimuoverlo dal nostro sguardo – spiegano gli organizzatori – ed è quindi più che mai necessario riflettere in modo approfondito sulle cause, sulle responsabilità e sulle possibili soluzioni per recuperare sentimenti di umanità, di civiltà e di razionalità che sembrano smarrirsi inesorabilmente, precipitando l’Europa in un abisso di barbarie senza fine. L’invito a partecipare è rivolto a tutti, senza distinzione di età o appartenenze, per poter instaurare un dialogo costruttivo col presule che al termine della relazione dialogherà con i presenti rispondendo alle loro sollecitazioni”.

redazione@oglioponews.it 

© Riproduzione riservata
Commenti