Commenta

La Città dei Bambini
cresce. E si pensa ad un
nuovo progetto: il metrabile

Si tratta di una mappa con percorsi sicuri destinata ai disabili che consentirà loro di muoversi in sicurezza, grazie a strutture e all’abbattimento delle barriere architettoniche. Un progetto ambizioso, che nelle intenzioni vedrà la luce entro fine anno.
bambini-natura-ev

CASALMAGGIORE – La città dei bambini cresce e lo fa con un progetto che, dopo avere raccolto l’adesione di 105 esercenti, è pronto ad espandere la propria potenzialità. L’evento dal 6 all’8 maggio promosso dal Comitato Slow Town, come noto, si sviluppa su tre progetti: uno è la Tangenziale dei bambini, che coincide con l’argine maestro da tempo off limits per le auto e che ha 9 uscite (tutte indicate dall’1 al 9 con diversi colori), con un collegamento pedonale e ciclabile con l’Istituto Scolastico Marconi, ora concluso anche dalla creazione di uno stradello sistemato gratuitamente da aziende locali.

Dalla tangenziale, e veniamo al secondo progetto, interviene il Metrominuto, che indica con appositi cartelli le uscite e le distanze a piedi dai principali luoghi di interesse culturale e non solo cittadini. Infine l’ultimo progetto, il Metrobottega, che consiste nell’indicazione, attraverso dei totem, dei vari esercizi commerciali che hanno aderito all’iniziativa. Sin qui il già noto, che è stato calendarizzato nell’ultima riunione di Slow Town lo scorso mercoledì, durante la quale è stata anche fondata la sezione Fiab, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, del territorio Oglio Po. Un calendario che per ora rappresenta ancora una bozza, comunque già ben delineata.

Sabato, dopo la presentazione del bando Chiarini, un must a livello ambientale, che avverrà nel parco di via Italia, vero e proprio fulcro delle attività della tre giorni, sarà presente il gotha della mobilità sostenibile a livello italiano: a Casalmaggiore, per la tavola rotonda delle ore 17, interverranno infatti il deputato Paolo Gandolfi, che fa parte della Commissione Trasporti della Camera, l’architetto Matteo Dondè, l’ingegnere Enrico Chiarini, il responsabile Fiab Piercarlo Bertolotti e Giancarlo Simoni di Slow Town Casalmaggiore.

Peraltro, vi sarebbe un quarto progetto che al momento è stato rinviato, ma che con la determinazione mostrata da Slow Town potrebbe vedere presto la luce: si tratta del metrabile, una mappa con percorsi sicuri destinata ai disabili che consentirà loro di muoversi in sicurezza, grazie a strutture e all’abbattimento delle barriere architettoniche. Un progetto ambizioso, che nelle intenzioni vedrà la luce entro fine anno, e per il quale è stato chiesto il supporto di aziende specializzate. Intanto l’appuntamento certo è per il weekend del 6-8 maggio prossimi, dove non mancheranno attività ludiche a cura de Il Tarlo, il sabato la Camminata Slow a cura di Pilates Club e Dance Academy Aerobic School e, la domenica, gli eventi Bicincittà promosso da Uisp, Pattinata Casalasca dei CasalmaRoller e Bimbimbici patrocinata da Fiab. Ogni altro dettaglio verrà reso noto nei prossimi giorni.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti