Commenta

Dal circuito al monumento:
è il week end
di Angelo Bergamonti

Venerdì l'intitolazione del Cremona Circuit, sabato e domenica il motoraduno nazionale: grande commemorazione per il centauro gussolese.
motoraduno-bergamonti-ev1
La commemorazione

GUSSOLA – Venerdì l’intitolazione del Cremona Circuit di San Martino del Lago ad Angelo Bergamonti. Sabato e domenica il 45esimo Motoraduno Nazionale in memoria del compianto centauro gussolese, scomparso il 4 aprile del 1971 sull’asfalto di Riccione, mentre la pioggia bagnava la Temporada Romagnola. Week end storico per Gussola, patria del più grande motociclista casalasco di tutti i tempi. Intenso, come da tradizione, il programma del Motoraduno, valido anche come prova del Trofeo Turismo Nord. Dopo il prologo vissuto a San Martino del Lago, da venerdì Cremona Circuit Angelo Bergamonti, sabato mattina sono state aperte le iscrizioni a partire dalle 9,30 in piazza Comaschi a Gussola.

La sfida al meteo, una costante in gran parte delle recenti edizioni, è stata vinta dagli organizzatori: oltre al girovagare del sabato, un mix di divertimento e passione per le due ruote, la domenica ha visto i partecipanti concentrarsi sotto il municipio gussolese. Intorno a mezzogiorno la commemorazione al monumento di Angelo Bergamonti, con i discorsi di rito. Il presidente del Motoclub Giuseppe Pietralunga ha ringraziato i presenti, ricordando e applaudendo l’intitolazione di venerdì dell’impianto di San Martino del Lago, alla presenza di Alessandro Canevarolo, amministratore delegato del Cremona Circuit Bergamonti.

Il sindaco di Gussola Stefano Belli Franzini ha sottolineato l’importanza della “manifestazione di punta del comune di Gussola, evento che da 45 anni viene portato avanti con grande forza per ricordare il campione gussolese”. Emozionato, Marco Cavallini curatore del Museo Mv Agusta ha riportato anche i saluti del plurititolato Giacomo Agostini: “Bergamonti è sempre davanti a me”. Un modo per ribadire il talento del fuoriclasse, a 45 anni dalla sua scomparsa.

Simone Arrighi

 

© Riproduzione riservata
Commenti