Commenta

Il Popolo Rosso delle Ducati
'invade' Casalmaggiore

Un centinaio di centauri ducatisti hanno partecipato al raduno organizzato nel capoluogo casalasco.
ducati-casalmaggiore-ev
Il raduno in 'piasa vécia'

CASALMAGGIORE – Dal popolo rosa del volley, al Popolo Rosso dei motori: Casalmaggiore cambia pelle e colore ogni fine settimana e dopo aver abbracciato l’entusiasmo per le Campionesse d’Europa della Pomì, accoglie cromie e rombi dei ducatisti di tutta Italia e non solo. Dalla Puglia alla Svizzera, tante le provenienze dei motociclisti giunti in riva al Po: un centinaio i centauri che domenica hanno risposto presente all’appello in ‘piasa vècia’, per un aperitivo alle spalle del municipio di Casalmaggiore.

La festa è proseguita poi alla Tana del Luppolo di via Galluzzi, con pranzo, musica dal vivo e distribuzione di gadget. Non sono mancate le sorprese, compresa una chicca per tutti gli appassionati: la Ducati Desmosedici, in bella mostra con tutta la sua potenza rossa.  Tanti gli appassionati che hanno seguito i centauri in centro a Casalmaggiore, compreso il vicario del Duomo di Santo Stefano don Marco Notarangelo, che ha benedetto le moto in piazza vecchia.

Diffusi consensi tra il centinaio di ducatisti che hanno partecipato al raduno organizzato dal presidente del Popolo Rosso, Giorgio “Giò” Catalano, dal vice Federico Cristian, dal consigliere Alessandro Catalano, con il patrocinio della Pro Loco di Casalmaggiore e la collaborazione della local crew Ducati: Francesco Manfredi, Marco Vallari, Tiziano Stabili, Katia Braga, Marco Musa, Alessandro Mori, Filippo Barbiani, tutti su di giri, come le moto che hanno ‘invaso’ il capoluogo casalasco.
Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti