Commenta

L'impresa etica nel
sistema economico:
applausi per il Sanfelice

Utilizzando le nuove tecnologie digitali, gli studenti hanno illustrato il significato di “responsabilità sociale delle imprese” e di “Codice Etico”.
sanfelice-ev
La presentazione in auditorium

VIADANA – Quella del 23 aprile è stata una giornata particolare per gli studenti delle classi 4^ dell’ITE Sanfelice di Viadana. Nell’Auditorium “Fabia Gardinazzi” hanno presentato gli esiti del Progetto “L’impresa Etica nel Sistema Economico”, realizzato all’interno del percorso di Alternanza Scuola Lavoro con la partnership della Know Medical Srl di Viadana, azienda che produce dispositivi biomedicali dal 1990. Gli allievi si sono rivelati da subito degli esperti conduttori. Utilizzando le nuove tecnologie digitali (ebook, bacheca multimediale, animazioni personalizzate, filmati costruiti nelle ore di lezione) hanno illustrato il significato di “responsabilità sociale delle imprese” e di “Codice Etico” agli ospiti, ai genitori, ai compagni dell’ITE e del Liceo Scienze Umane, agli ex diplomati del Sanfelice. Il Dirigente Scolastico, Mariateresa Barzoni, ha sottolineato l’importanza del percorso di Alternanza all’interno del Piano di Offerta Formativa dell’Istituto come metodologia didattica che collega la formazione in aula e l’esperienza pratica e in questo contesto si inserisce il Progetto di durata triennale con la collaborazione di Know Medical.

Il titolare della Know Medical, Marco Minghetti, ha espresso soddisfazione per l’attività di progetto svolta da studenti e docenti e ha auspicato per il futuro una sempre più fattiva collaborazione fra Scuola, Aziende del territorio, Enti locali al fine di favorire l’occupazione dei diplomati.  La dottoressa Luciana Gramiccioni, ex responsabile certificazione dispositivi medici presso l’ Istituto Superiore della Sanità, ha precisato come il comportamento etico sia necessario per risolvere le diverse problematiche nel settore alimentare, ambientale e sanitario. Renato BotturaVeronica Barini, dell’Associazione “con vista sul mondo”, sullo sfondo di suggestive foto di Amici Africani, hanno ricordato: “l’etica prevede che l’accesso alla cura sicura debba essere un diritto di tutti. Non è etica la contraffazione farmaceutica nei Paesi africani più poveri. In questo contesto si inserisce la nascita del Progetto Galeno con cui l’Associazione mantovana da diversi anni garantisce la produzione di farmaci sicuri, efficaci e di qualità in alcuni ospedali del Burundi e del Congo”.

La Vicepresidente della Provincia di Mantova, Francesca Zaltieri, si è complimentata con gli alunni perché l’attività di progetto rispetta le linee guida della L.107/2015 in relazione all’alternanza scuola lavoro. Anche la referente del progetto dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Mantova, Mirella Cova, ha valutato positivamente la partecipazione attiva dei ragazzi, l’uso funzionale delle tecnologie digitali e l’interdisciplinarità degli argomenti trattati.  Il sindaco di Viadana, Giovanni Cavatorta, ha evidenziato il ruolo dei giovani nella costruzione di un futuro migliore.

Il Prof. Nicola Taurozzi, invitato ad esprimere il suo pensiero come membro della Commissione Scientifica Europea per le Politiche Sanitarie, ha espresso la seguente riflessione: “Nuove normative anticorruzione possono essere di aiuto sul piano della prevenzione, ma culturalmente insufficienti. Occorre puntare sui giovani per cambiare e rottamare l’attuale modello sociale eticamente e moralmente malato”.

La Responsabile Assicurazione Qualità della Know Medical, Cristina Minghetti, ha chiuso il convegno leggendo la relazione inviata dal Dr. Civa Andrea sull’agire in modo etico in campo lavorativo. Alla fine dei lavori gli studenti hanno ricevuto un caloroso applauso anche da parte dei docenti del team di progetto: Carla Lodi Rizzini (Referente di Progetto), Monica Gozzi (Referente d’Istituto per l’Alternanza Scuola Lavoro), Carla Arrighi (relazioni Internazionali), Angela Calza (Inglese), Emilia Morelloni (Tedesco) e dell’Assistente tecnico Sandra Gozzi.

© Riproduzione riservata
Commenti