Commenta

Viadana ha ricordato
la fondazione dei Bersaglieri
con spettacolare rievocazione

Hanno organizzato l'evento l'associazione Bersaglieri di Casalmaggiore, che ha fornito i figuranti bersagliereschi, l'associazione Bersaglieri di Viadana con la propria fanfara e il gruppo dei Dragoni del Po di Viadana diretti da Marino Morselli, con la partecipazione del comune di Viadana.
bersaglieri-viadana_ev

VIADANA – Si è tenuta a Viadana sabato un’importante manifestazione a ricordo del 180° anniversario della fondazione del corpo dei Bersaglieri. Era infatti il 18 giugno del 1836 quando il generale Lamarmora portò al re di Sardegna Carlo Alberto il sergente Vaira del primo reggimento granatieri con una nuova divisa di sua invenzione: era appunto quella dei bersaglieri, che dovette piacere subito al re, se è vero che lo stesso istituì subito il corpo di questi “tiragliatori”, veloci nella corsa e nel combattimento.

La manifestazione si è così svolta alle 17 di sabato con il corteo dalla piazza fino al Monumento al Bersagliere ai Giardini Vecchi di Viadana. Davanti al monumento ai Caduti sono invece stati resi onori alla bandiera. Infine spazio alla battaglia in piazza tra i bersaglieri in divisa d’epoca risalente al 1850 circa, e una formazione di figuranti in divisa austriaca, giunti appositamente da Trento. Dopo la battaglia, la fanfara dei Bersaglieri di Viadana ha suonato per la cittadinanza nella piazza principale, il tutto alla presenza del sindaco Giovanni Cavatorta e di un folto pubblico.

Hanno organizzato l’evento l’associazione Bersaglieri di Casalmaggiore, che ha fornito i figuranti bersagliereschi, l’associazione Bersaglieri di Viadana con la propria fanfara e il gruppo dei Dragoni del Po di Viadana diretti da Marino Morselli, con la partecipazione del comune di Viadana.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti