2 Commenti

Manutenzione del verde,
registro obbligatorio. Voltini:
"Vittoria contro lavoro nero"

"Si tratta – prosegue Voltini – di una svolta storica per la tenuta di parchi e giardini ottenuta grazie anche all’impegno profuso in questi anni dalla nostra organizzazione con l’appoggio di tutti i vivaisti, che finalmente vedono riconosciuta giuridicamente la loro professione".
vivai-coldiretti_ev

CREMONA – “Per Coldiretti e per tutti i vivaisti che con noi hanno portato avanti la battaglia contro il lavoro nero e la concorrenza sleale, questa è una vittoria importante. Possiamo definirla una giornata memorabile per il florovivaismo”. Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Cremona, commenta così la norma – contenuta nel collegato agricolo appena approvato dal Senato – che regola l’attività di manutenzione del verde attraverso l’iscrizione obbligatoria al Registro dei produttori florovivaistici. Una notizia che interessa da vicino la zona del comprensorio Oglio Po: basti pensare al gran numero di aziende di questo tipo tra Canneto sull’Oglio, patria del florovivaismo a livello regionale, e Piadena.

“E’ lo stop che aspettavamo a quelli che abbiamo definito ‘i giardinieri per caso’.  Si tratta – prosegue Voltini – di una svolta storica per la tenuta di parchi e giardini ottenuta grazie anche all’impegno profuso in questi anni dalla nostra organizzazione con l’appoggio di tutti i vivaisti, che finalmente vedono riconosciuta giuridicamente la loro professione. Adesso chi vorrà offrire questi servizi dovrà garantire qualità e competenza. Senza dimenticare un altro aspetto importante: per la detraibilità fiscale rispetto ai servizi del verde bisognerà essersi rivolti a florovivaisti professionali”. I vivaisti professionali sono già iscritti al registro, mentre per gli altri ogni Regione dovrà prevedere un percorso di formazione specifico per poi essere inseriti nell’elenco degli abilitati. La norma – prosegue Coldiretti Cremona – consentirà anche di alzare il livello professionale di chi viene chiamato a gestire il verde e a migliorare la qualità della vita nelle nostre città, dove un vivaista esperto non è solo in grado di effettuare potature corrette, ma anche di offrire consulenze e suggerimenti sulle varietà più adatte dentro e fuori le città.

In Lombardia  la disponibilità di verde urbano, secondo gli ultimi dati Istat, è di circa 36 metri quadrati per abitante, con valori pro capite molto diversi a seconda dei capoluoghi di provincia: 8,9 a Varese, 9,9 a Como, 49,7 a Sondrio, 16,4 a Milano, 10,8 a Bergamo, 137,9 a Brescia, 198 a Pavia, 36,2 a Cremona, 33,8 a Mantova, 6,7 a Lecco, 23,6 a Lodi e 70,4 a Monza.  In tutta la regione operano oltre cinquemila aziende florovivaistiche.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti
  • canacrepa

    Ve ne saranno riconoscenti e grati tutti i pensionati che lo fanno per integrare le loro pensioni d’oro.Lo farete anche per altre categorie? Anche per chi va a trapiantare e raccogliere i pomodori?

  • canacrepa

    Farete anche qualcosa per le feste di piazza? I ristoratori tartassati e questi fanno preparare da mangiare a chiunque