Commenta

Avis Cogozzo, la gioia per
la festa condivisa con i
terremotati delle Marche

Una decisione presa al volo giovedì sera, dagli stessi organizzatori della Festa dell'Avis di Cogozzo, quella di destinare parte del ricavato del momento di gioia e convivialità dei donatori di sangue
-15
Nella foto alcuni dei volontari della festa Avis di Cogozzo

-15

 

COGOZZO – Si parte, dalla fine questa volta. Perché la fine é un bel gesto, di quelli che nobilitano il – già di per se nobile – resto. L’Avis di Cogozzo, insieme alla Croce Rossa di Viadana partiranno, probabilmente già nel corso della prossima settimana, per portare personalmente nella zona colpita dal terremoto gli aiuti e il materiale raccolto. Una decisione presa al volo giovedì sera, dagli stessi organizzatori della Festa dell’Avis di Cogozzo, quella di destinare parte del ricavato del momento di gioia e convivialità dei donatori di sangue, alle popolazioni duramente colpite dal sisma. Per il resto – come da tradizione – la festa, che si è conclusa lunedì sera, è andata più che bene: “Con numerosa partecipazione – ci fanno sapere gli organizzatori – da parte della gente. La serata giovani con gli Explosion e la serata conclusiva di lunedì con Daniele Tarantino hanno registrato il pienone”. Una contentezza, quella di tutta l’organizzazione che ha lavorato alacremente affinché tutto andasse per il meglio, che gli stessi volontari condivideranno con chi di gioie ne ha avute ben poche. Un nobile gesto di una realtà, quella Avis, che già tanto dà sul territorio e non solo.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti