Commenta

Tentato furto ai danni di
Fabio Merlino: "Mi è servito
l'allenamento fatto coi Warriors"

“Le due donne - spiega Fabio - sono scappate via insieme. Io ho fatto denuncia: non tanto per me, perché non mi è accaduto nulla, però magari denunciare può servire ad evitare che ricapiti un episodio del genere. Con un anziano o magari un’altra persona disabile come me basta un attimo”.
merlino-viadana_ev

VIADANA – Fabio Merlino non ha mai esitato un attimo a definirsi un atleta: nonostante la disabilità che ha colpito in tenera età lui, così come altri componenti della squadra di hockey in carrozzina dei Warriors Viadana, Fabio ha infatti sempre evidenziato come giocare in questo team comporti anche sacrifici e allenamenti. Ebbene, questa volta proprio l’allenamento è servito a scongiurare un furto che una donna stava mettendo a segno ai danni dello stesso Fabio.

“Mi trovavo in piazza a Viadana in un negozio e stavo comprando un nastro per il polso per fare allenamento – spiega il capitano dei Warriors – e mi sono accorto che una signora dietro di me aveva già aperto il mio zaino mentre ero al bancone. Non appena ho sentito il rumore dello zaino che si apriva ho mosso la mia carrozzina all’indietro di colpo – un movimento che facciamo spesso in allenamento – e ho evitato che la stessa arrivasse a sottrarmi il portafoglio”.

Merlino spiega che le donne erano due: la ladra materiale, appunto, e la complice fuori dal negozio, che lo stesso Fabio ha notato, essendo figlio di un carabiniere (il compianto Filippo Merlino, morto a Nassiryia, ndr), dunque con l’occhio vigile. “Le due donne – spiega Fabio – sono scappate via insieme. Io ho fatto denuncia: non tanto per me, perché non mi è accaduto nulla, però magari denunciare può servire ad evitare che ricapiti un episodio del genere. Con un anziano o magari un’altra persona disabile come me basta un attimo”.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti