Commenta

San Martino, finalmente gli
asfalti. Renoldi: "Intervento
costoso ma doveroso"

“Sono asfaltature mirate - spiega Renoldi - che vanno a toccare i punti davvero rovinati e malmessi, alcuni dei quali hanno ancora evidente il segno del taglio dell'acquedotto fatto negli anni '90. E’ stato uno sforzo economico notevole per il Comune, ma in certe vie la situazione era ormai insostenibile".
asfalti-san-martino_ev
Nella foto le condizioni di una delle strade di San Martino dall'Argine

SAN MARTINO DALL’ARGINE – “Dopo anni di promesse, è arrivato finalmente il momento delle asfaltature” così il sindaco di San Martino dall’Argine Alessio Renoldi annuncia la novità visibile grazie ai cantieri allestiti in questi giorni in alcune vie del comune. “Erano in cantiere da diverso tempo – precisa Renoldi – ma per vari motivi abbiamo sempre dovuto rimandarle. Dapprima ci si sono messi i tagli per gli acquedotti, che alcuni cittadini si rifiutavano di fare, poi ci si è messo l’obbligo della CUC (Centrale Unica di Committenza), comunque ora ci siamo. Inizieranno con la raschiatura dei tratti rovinati, per passare poi alla posa del bitume nuovo”.

“Sono asfaltature mirate – prosegue Renoldi – che vanno a toccare i punti davvero rovinati e malmessi, alcuni dei quali hanno ancora evidente il segno del taglio dell’acquedotto fatto negli anni ’90. E’ stato uno sforzo economico notevole per il Comune, ma in certe vie la situazione era ormai insostenibile, i lavori non erano più prorogabili. L’obiettivo primario è mettere in sicurezza i cittadini, che ad ogni passaggio rischiavano la caduta. Alcune situazioni sono davvero pericolose”.

Questi i tratti interessati: strada Porcare (la Valle), per tutto il suo percorso; strada Motte Coppine (il tratto precedente il bivio); strada Belvedere; vicolo Carpano; vicolo Pozza; piazza Matteotti (solo il tratto dove si trova il mercato); via Dugoni; via Valle Onetta; via Lovara e via Isole (solo i tratti più danneggiati); via 1° Maggio (solo il tratto d’ingresso) e alcune pertinenze.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti