Commenta

Imparare a parlare di ambiente
E a stilare progetti ben fatti:
se ne parla a Buzzoletto

L’idea è quella di invitare insegnanti o educatori di scuole di ogni ordine e grado, giovedì alle ore 14.30 (questo l’inizio delle iscrizioni, dalle 15 il via ai lavori) presso la Palm di Buzzoletto, in provincia di Viadana. Qui il professor Ferrari illustrerà le linee guida per stilare un progetto credibile e ben scritto e soprattutto realizzabile.
ambiente_ev

BUZZOLETTO (VIADANA) – Un seminario, o workshop come si dice in gergo tecnico, per parlare di ambiente. Anzi, per imparare a parlare di ambiente e a scrivere progetti che possano partecipare a bandi e concorsi con buone chance di vittoria.

E’ questa l’idea avanzata, per il secondo anno consecutivo, da Damiano Chiarini del gruppo Persona Ambiente e dal professor Mauro Ferrari, docente nella prestigiosa Università di Cà Foscari a Venezia e presto anche nell’Università degli Studi di Parma. L’idea è quella di invitare insegnanti o educatori di scuole di ogni ordine e grado, giovedì alle ore 14.30 (questo l’inizio delle iscrizioni, dalle 15 il via ai lavori) presso la Palm di Buzzoletto, in provincia di Viadana. Qui il professor Ferrari illustrerà le linee guida per stilare un progetto credibile e ben scritto e soprattutto realizzabile. “Quello che diremo sarà utile per il Bando Umberto Chiarini, giunto alla sesta edizione – spiega Ferrari – ma anche per altri concorsi che verranno promossi in favore delle tematiche ambientali”.

A proposito del Bando Chiarini, nelle prossime ore verranno resi noti tutti i dettagli e la scadenza è già stata fissata al 30 ottobre, dunque le scuole (lo scorso anno l’elementare Marconi di Casalmaggiore giunse seconda con un progetto sulle api presentato poi nella cornice di piazza Garibaldi) avranno all’incirca un mese di tempo per lavorare all’idea. Gli iscritti ad oggi sono 15, ma si può arrivare fino a trenta posti: è possibile iscriversi anche sul posto, dalle 14.30 di giovedì alla sede Palm di Buzzoletto. Inutile dire che tutti gli insegnanti, di qualsiasi ordine e grado, del comprensorio sono invitati.

G.G. 

© Riproduzione riservata
Commenti