Feste e turismo
Commenta

Festa della Zucca, bilancio in attivo di 22mila euro Toscani: "Pronti a tornare"

“La volontà era quella di offrire una cena per ringraziare tutti coloro che hanno collaborato, che rappresentano il vero tesoro della nostra festa - ha spiegato Maurizio Toscani degli Amici di Casalmaggiore - e al contempo rendicontare quanto è stato fatto nell’ultimo anno”.

CASALMAGGIORE – A distanza di due mesi dalla chiusura della Festa della Zucca 2016, gli Amici di Casalmaggiore che per il quinto anno l’hanno organizzata in piazza Garibaldi hanno fatto il punto della situazione. L’occasione è stata una cena offerta ai volontari, quasi 150 in tutto, che hanno collaborato per la riuscita della manifestazione: una sessantina i presenti alla conviviale organizzata presso il ristorante del Centro Fadigati di Cicognolo, dove ai fornelli cucina il casalasco Silvio Ceresini.

“La volontà era quella di offrire una cena per ringraziare tutti coloro che hanno collaborato, che rappresentano il vero tesoro della nostra festa – ha spiegato Maurizio Toscani degli Amici di Casalmaggiore – e al contempo rendicontare quanto è stato fatto nell’ultimo anno”. Per questo motivo era presente anche Massimiliano Valenti, curatore della mostra Casalmaggiore Contemporanea prevalentemente dedicata a Giuseppe Raineri, iniziativa che fa parte delle varie manifestazioni organizzate dagli “Amici”. Tra questi anche il trenino Casalmaggiore-Sabbioneta, riproposto, e Inventio, un contenitore nuovo e giovane (perché gestito da giovani), pronto a tornare l’anno prossimo dopo il buon successo riscosso.

“Il clou ovviamente è sempre la Festa della Zucca, tanto che Inventio rientra all’interno di questa manifestazione – ha precisato Toscani – e a tal proposito possiamo parlare di numeri positivi. Abbiamo chiuso con un attivo di 22mila euro, che ci consente di sanare tutto ciò che non è andato come sperato negli anni scorsi. Il dato da evidenziare è che, anche a causa del maltempo nelle serate clou di venerdì e sabato, la cucina ha fatto registrare un afflusso minore rispetto al passato e dunque un incasso più basso. Tuttavia abbiamo raccolto molti più sponsor, il che significa che il lavoro, grazie anche all’appoggio di commercianti, Pro Loco e amministrazione comunale, sta funzionando e si sta andando nella direzione giusta. Nel complesso abbiamo migliorato il bilancio”. Intanto si pensa già all’edizione 2017. Due sole anticipazioni: in primis, la data, dato che è stato annunciato che la Festa sarà dal 14 al 17 settembre 2017; in secondo luogo, la riproposizione di Inventio, magari con un numero ancora maggiore di giovani da responsabilizzare coinvolti.

Giovanni Gardani 

© Riproduzione riservata
Commenti