Commenta

Bozzolo, per i problemi dei
passaggi a livello già raccolte
400 firme in un giorno

La petizione, dopo la raccolta delle firme che si protrarrà fino a metà dicembre, sarà inviata ai Presidenti della Repubblica, del Consiglio, della Regione, al Ministro ed all'Assessore Regionale alle Infrastrutture, ai Presidenti delle Provincie di Mantova e Cremona, a RFI e Trenord.

BOZZOLO – A sole 24 ore dall’inizio della raccolta sono già state sfiorate le 400 firme di adesione alla petizione presentata in una decina di negozi, bar, associazioni, sindacati e luoghi di incontro pubblico di Bozzolo sul tema attualissimo delle attese ai passaggi a livello. Un argomento, dicono i promotori della sottoscrizione, che segna un pericoloso peggioramento per effetto del’incremento dei treni, in particolare merci, abbinato alla soppressione dei passaggi a livello automatici di via Tezzoglio e di Tornata.

Il documento, alla cui stesura ha collaborato Giuseppe Torchio, riprende le questioni rimaste in sospeso la scorsa primavera, anche a seguito di incontri tenuti all’assessorato alle infrastrutture della Regione Lombardia. Il testo potrá essere firmato presso gli uffici Aci, bar Odeon, Medau, Croce Verde, ristorante Croce d’Oro, trattoria Giardino, Camera del Lavoro, supermercati Migross, tabaccheria piazza Europa, macelleria Donini, edicola Brunetto in via Bonoldi ed altri che si vanno aggiungendo.

Le novità da cogliere, rispetto alle ormai storiche rivendicazioni, sono legate alla decisione di realizzare il raddoppio della ferrovia Mantova-Cremona-Milano unita alla disponibilità espressa dal gruppo Migross di partecipare allo sforzo per per la progettazione del bypass ferroviario di via Cremona, elementi che vanno ad aggiungersi alla mancata realizzazione degli investimenti previsti per la soppressione dei passaggi a livello nel tratto mantovano delle linea, dopo il primo intervento a San Michele in Bosco e quelli successivi ai passaggi a livello di Cremona, bypassati anche grazie al cofinanziamento europeo. La petizione, dopo la raccolta delle firme che si protrarrà fino a metà dicembre, sarà inviata ai Presidenti della Repubblica, del Consiglio, della Regione, al Ministro ed all’Assessore Regionale alle Infrastrutture, ai Presidenti delle Provincie di Mantova e Cremona, a RFI e Trenord.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti