Cronaca
Commenta

Casalmaggiore, ecco il PUT all'Albo Pretorio: scattano i 30 giorni per le osservazioni

Secondo Slow Town le tavole dovrebbero essere rese pubbliche anche in maniera cartacea per una maggiore fruibilità. Il Listone con Alessandro Rosa: "Mettiamo a disposizione le nostre in biblioteca"

CASALMAGGIORE – Il Piano Urbano del Traffico é stato pubblicato. 30 giorni (sino al 22 dicembre) per presentare le osservazioni a disposizione dei cittadini che vorranno farlo. Un documento piuttosto corposo (64 mega da scaricarsi per poterne prendere visione on line). Scarsa visibilità, soprattutto secondo il Comitato Slow Town e il Listone per potersi davvero rendere conto di come cambierà la viabilità cittadina.

“Le tavole – secondo i referenti di Slow Town – avrebbero dovuto essere rese pubbliche. Avevamo chiesto che venissero esposte in biblioteca e non solo essere rese pubbliche in segreteria. Una questione di maggiore trasparenza e fruibilità”. L’amministrazione d’altronde ha fatto quel che la normativa richiede. “Le direttive del Ministero del Lavori Pubblici per la redazione, adozione ed attuazione dei Piani Urbani del Traffico, pubblicate sul supplemento della G.U. – Serie generale – n. 146, nonché la Circolare Ministero Lavori Pubblici n. 6372 del 02.12.97 stabiliscono che per perfezionare l’adozione del P.U.T., ivi comprese le varianti, devono essere seguite le seguenti procedure: adozione del piano con atto formale da parte della Giunta Comunale, deposito dell’atto per 30 giorni in visione per il pubblico, con relativa contestuale comunicazione di possibile presentazione di osservazioni, nel medesimo termine, anche da parte di singoli cittadini; trasmissione, contestualmente alla pubblicazione, alla Regione Lombardia e alla Provincia di Cremona per eventuali osservazioni in merito; delibera di approvazione da parte del Consiglio Comunale, che si esprime sulla proposta di piano e sulle eventuali osservazioni presentate”.

Questo quanto prescrive la normativa. Ma resta il problema di fondo della possibilità di far vedere nell’immediato a tutti i cittadini le tavole – peraltro già stampate per tutti i gruppi consiliari – in maniera immediata. Una richiesta avanzata dallo stesso comitato e appoggiata dalle opposizioni cittadine. Ieri, all’atto della pubblicazione, un po’ di delusione evidente da parte del Comitato. “La gente – spiegano – deve essere messa in grado nel miglior modo possibile di rendersi conto di quel che cambia. Avevamo chiesto e chiediamo ancora che le tavole vengano esposte in forma cartacea”.

Una richiesta che ha trovato l’appoggio di Alessandro Rosa: “Se non lo farà l’amministrazione potremmo farlo noi – spiega il consigliere comunale – mettendo a disposizione la nostra copia. Ormai il Piano Urbano del Traffico è pubblico per cui anche le tavole del PUT lo sono. Vedremo se è possibile esporle in Biblioteca”. O in qualunque altro luogo che dia la disponibilità all’esposizione. Che – pur non essendo un atto dovuto – potrebbe essere un atto di ‘cortesia’ e trasparenza. Soprattutto per quei cittadini – soprattutto anziani – che a quel punto potrebbero senza particolari fatiche, rendersi conto ‘ad occhio’ della viabilità che cambia e presentare le proprie osservazioni in merito.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti