Ultim'ora
Commenta

Marco Olmo, totem dell'ultra
maratona, a Casalmaggiore
il prossimo 20 dicembre

Olmo ha già confermato la presenza per l'allenamento in notturna in golena e poco dopo sono state prenotate due automobili di podisti, una da Pieve di Cento (Bologna) e una da San Colombano al Lambro (Milano), senza dimenticare i tanti parmensi che sicuramente arriveranno.

CASALMAGGIORE – Ha vinto, pochi mesi fa, all’età di 68 anni l’Ultra Bolivia Race, una ultra maratona di oltre 150 chilometri corsa nel Paese sudamericano (170 km per la precisione, con sei tappe a 4mila metri), segnando di fatto un vero e proprio record di resistenza e longevità sportiva. Ora Marco Olmo, campione del mondo della specialità originario della provincia cuneese e classe 1948, che aveva inaugurato nel 2014 la prima edizione dell’Eridano Adventure (che quest’anno tornerà il prossimo 19 marzo), è pronto a tornare a Casalmaggiore.

Forse per l’Eridano Adventure stessa, va detto, e i contatti in tal senso sono ancora in corso, ma di sicuro si sa che Olmo sarà nella golena casalasca il prossimo 20 dicembre: gli allenamento notturni in autosufficienza, infatti, sono stati lanciati poche settimane fa da Andrea Visioli, fondatore dell’Eridano Adventure, e tutti i martedì e giovedì attirano un discreto numero di podisti. C’è da scommettere però che l’allenamento del 20 dicembre sarà molto richiesto: la presenza di Marco Olmo, peraltro reduce da una fatica letteraria dove racconta la sua vita sportivamente estrema, rappresenta infatti una grande spinta anche promozione per questa novità da poco introdotta in golena. Tanto per capirsi: Olmo ha già confermato la presenza e poco dopo sono state prenotate due automobili di podisti, una da Pieve di Cento (Bologna) e una da San Colombano al Lambro (Milano), senza dimenticare i tanti parmensi che sicuramente arriveranno. Al termine dell’allenamento Olmo si intratterrà per un buffet alla presenza anche di stampa e tv. E’ gradita la prenotazione al numero 335-5497711 o alla mail eridanoadventure@libero.it.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti