Cronaca
Commenta

Efrem Bresciani, commosso addio al sagrestano, Spineda si ferma

Arrivato anche un messaggio di cordoglio dall'altro religioso locale padre Vittorio in missione in Sierra Leone attraverso una telefonata satellitare l'altra sera durante la recita del Rosario. Tanti i sacerdoti presenti

SPINEDA – Mai vista  tanta gente ad un funerale di un anziano, come quello svoltosi  giovedi mattina per le esequie di Efrem Bresciani. Un doppio manifesto funebre esposto davanti alla Chiesa di Cividale e Spineda per ricordare la figura dello scomparso, per tanti anni sagrista in entrambi i paesi. Le esequie si sono svolte a Spineda dove il parroco don Ernesto Marciò ha officiato con accanto i parroci di Rivarolo Re e Rivarolo Mantovano, rispettivamente don Luigi Pisani e don Luigi Carrai, oltre a quello di Bozzolo e Gazzuolo don Gianni Macalli e don Marco Tizzi. Da Soresina è arrivato pure Mons Angelo Piccinelli nel cui periodo Efrem aveva esercitato. Don Ernesto ha voluto sottolineare la coincidenza di un colore violaceo dettato dal periodo dell’Avvento alla circostanza luttuosa di  una intera comunità. Arrivato anche un messaggio di cordoglio dall’altro religioso locale padre Vittorio in missione in  Sierra Leone attraverso una telefonata satellitare l’altra sera durante la recita del Rosario. Il missionario ha assicurato che lo svolgimento del funerale sarebbe stato seguito col pensiero dall’intera sua comunità di Kabala. Parole di grande  stima e considerazione durante l’omelia di don Ernesto per ricordare la grande generosità e la immensa bontà dello scomparso “Un’aggettivo che faccio fatica ad usare perchè so essere abusato. Ma nel caso di Efrem è più che mai appropriato” ha detto tra l’altro il sacerdote  Efrem Bresciani, il cui corpo  era stato ritrovato sei mesi dopo la scomparsa in un canale di Commessaggio aveva avuto attenzioni non solo per la chiesa, che conosceva come la sua casa ma anche per i malati e i sofferenti. Un saluto commosso, seguito da un forte applauso alla fine glielo ha tributato il presidente locale di Azione Cattolica Paolo Goffredi prima che la salma venisse trasportata al cimitero locale seguita da un lungo corteo a cui faceva parte il sindaco Davide Caleffi, Giuseppe Torchio e il comandante della Stazione Carabinieri Rivarolo del Re Stefano Rossolini.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti