Commenta

Cavatorta, invito a Federici:
"Sulle tasse siamo chiari,
basta opposizione distruttiva"

"Si cerca di trovare motivi di polemica - attacca il sindaco di Viadana - saltando di palo in frasca e alludendo che ci siano consiglieri occulti dietro alle mie parole, per sminuire la mia figura e screditare l'amministrazione".

VIADANA – “Dispiace che Federici persista con la sua opposizione distruttiva, nonostante abbiamo spiegato in consiglio e con ulteriori interventi su questo sito, a cui rimando, quello che stiamo facendo”. Così il sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta risponde nuovamente al consigliere di minoranza in quota Partito Democratico.

“Non ho mai detto né voluto togliere la paternità dell’esenzione Imu sulla prima casa al Governo – precisa Cavatorta – . Ho detto che il Governo ha tolto l’assimilazione (e quindi l’esenzione) alla prima casa delle abitazioni date ai parenti in linea retta di primo grado (per intenderci genitore che concede una casa al figlio) addolcendola con una riduzione del 50% dell’aliquota deliberata dai comuni. Quest’anno noi tale aliquota l’abbiamo ridotta dal 10,1 al 7,6 per mille. Tenendo conto che parte del gettito imu finisce allo Stato, come quello per la categoria catastale D (fabbricati ad uso commerciale e industriale, opifici, ecc) nella misura dell’aliquota base del 7,6 per mille: quindi al comune su una aliquota del 10,1 rimane solo il 2,5 per mille”.

“Invece abbiamo mantenuto – prosegue Cavatorta – l’aliquota Tasi a 0 su tutti gli altri fabbricati, aree edificabili oltre all’abitazione principale. In pratica a Viadana non si paga la Tasi. Per quanto riguarda i diritti di segreteria li abbiamo adeguati a quelli di altri comuni e del resto dietro questi diritti c’è il lavoro serio e puntuale di funzionari e dipendenti che non può essere sminuito e dato per scontato. Si tratta di diritti pagati per prestazioni specifiche e a richiesta che non vanno a colpire la generalità dei contribuenti. Sulla spesa e gli interventi in campo sociale abbiamo dovuto affrontare aumenti esponenziali di vari capitoli, dall’assistenza ad personam scolastica a quella per i disabili per decine di migliaia di euro. Quindi non ci sottraiamo ai nostri doveri e li assolviamo di fronte alle necessità sempre più crescenti che la crisi ci impone”.

“Insomma si cerca di trovare motivi di polemica – attacca infine il sindaco – saltando di palo in frasca e alludendo che ci siano consiglieri occulti dietro alle mie parole, per sminuire la mia figura e screditare l’amministrazione. Questo metodo, utilizzato già dalla campagna elettorale, ancora prima che ci insediassimo, non ha portato molta fortuna. Anch’io potrei alludere a non tanto misteriosi suggeritori per i consiglieri ex socialisti, che hanno preso in mano il Pd, erede dell’importante storia del Pci, ma non lo faccio perché rispetto il loro ruolo. Comunque colgo l’occasione per fare tanti auguri di buon anno a tutti i viadanesi e ai consiglieri di opposizione in un’ottica di lavoro costruttivo per la comunità”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti