Ultim'ora
Commenta

SOS A-Mici, appello agli
agricoltori: "Serve cibo per
le stalle. Ci date una mano?"

Chiedono rotoballe, cibo per mucche, pecore, maiali e cavalli, e quello con tutta la buona volontà non possiamo portarli noi. Per questo lanciamo un appello alle associazioni agricoltori. Non lasciamoli soli a combattere.

CASALMAGGIORE – Mancano due – forse tre – settimane (dipenderà dal meteo) alla partenza del gruppo di volontari de ‘Gli Angeli della Bassa’, Anpana, comuni di Martignana Po, Rivarolo del Re e Gussola, UDA e Pro Loco Casalmaggiore oltre a Sportfoglio per le aree terremotate e prosegue la raccolta di materiale per gli animali da portare in loco, a disposizione diretta dei volontari del luogo che stanno sostenendo una battaglia ciclopica contro l’inverno e le condizioni proibitive in cui versano molti animali. Gli aiuti per cani e gatti stanno arrivando. Una cospicua donazione é stata effettuata nei giorni scorsi dal Canile di Mantova che ha sposato il progetto e la gente continua a portare cibo ed altro materiale ai punti di raccolta messi a disposizione da Pro Loco Casalmaggiore, comune di Martignana e Sportfoglio. Le notizie che arrivano dai volontari marchigiani sono terribili. Lasciati soli dalle istituzioni, che già a fatica, quando lo fanno, provvedono alle esigenze delle persone, contano solamente sulle donazioni che arrivano da enti ed associazioni. L’inverno sta falcidiando soprattutto gli allevatori che sono la spina dorsale dell’economia di quelle terre. E per loro enti ed associazioni volontaristiche possono fare ben poco. “Al di là di SOS A-Mici, il progetto nato qui – spiega un volontario de Gli Angeli della Bassa, Onlus promotore dell’iniziativa – per gli animali di grossa taglia da soli purtroppo possiamo fare ben poco. Chiedono rotoballe, cibo per mucche, pecore, maiali e cavalli, e quello con tutta la buona volontà che possiamo metterci non possiamo portarli noi. Per questo lanciamo un appello alle associazioni agricoltori. Non lasciamoli soli a combattere. Noi mettiamo a disposizione i contatti che abbiamo lì. Pensiamo se fosse successo a noi, ai nostri agricoltori e alle nostre stalle. Forse ci sarebbe piaciuto ricevere aiuto”. Tra le donazioni ricevute in questi giorni, al di là del cibo per animali, un’asciugatrice nuova. “Ce l’hanno donata – aggiunge il volontario – abbiamo sentito uno dei nostri contatti e trovata una famiglia a cui porteremo l’elettrodomestico. Carichiamo anche quello, e con gioia. Abbiamo sentito critiche in questi giorni, perché abbiamo deciso di aiutare gli animali al posto di curare un progetto magari per le persone. Noi aiutiamo chi possiamo. Progetti di aiuto per le persone dalle nostre zone ne sono partiti tanti, per gli animali questo è il secondo che parte dall’area Oglio Po. Siamo una Onlus e ci occupiamo di quello sul territorio. Faremo quel che potremo, anche lì”. L’ultimo appello che Gli Angeli lanciano è ai veterinari della zona: “Ci piacerebbe che un veterinario venisse lì con noi. Si tratta di due giorni, un weekend. C’è qualcuno disponibile a seguirci?”.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti