Commenta

Oglio Po, Parma e Cremona:
aiuti per animali (e uomini)
del centro Italia in partenza

Cibo per cani e per gatti, conigli, mucche e maiali, coperte, cucce e medicinali ad uso veterinario, ma anche libri, un asciugatrice, un riscaldatore per stalle e materiale scolastico per bambini.

MARTIGNANA PO – Almeno una decina di furgoni e mezzi per una raccolta che – partita da associazioni e comuni – ha pochi precedenti di queste dimensioni. Il conto alla rovescia per la consegna in Centro Italia ha avuto ufficialmente inizio. Si è tenuta ieri sera, nella sala Consiglio del Comune di Martignana, alla presenza del sindaco Alessandro Gozzi la riunione operativa per il progetto SOS A-mici, raccolta cibo e materiale per il centro Italia. Saranno una ventina le persone che partiranno, nella notte di venerdì 10, destinazione Bettona (PG), base scelta dai volontari del luogo per organizzare poi la partenza per le aree interessate. L’arrivo della carovana (alcuni mezzi di Martignana, uno o due da Casalmaggiore, uno da Calvatone, uno o due da Viadana, uno da Traversetolo, uno da Sissa, uno o due da Cremona, uno da Guastalla, uno da Piadena, ma la raccolta è ancora in corso e il numero definitivo dei mezzi partenti si saprà solo mercoledì 8) è previsto nella prima mattinata. Da Bettona poi si ripartirà subito dopo, suddivisi in aree di intervento a seconda di quello che comunicheranno i volontari del posto, con tutto quel che è stato raccolto. Cibo per cani e per gatti, conigli, mucche e maiali, coperte, cucce e medicinali ad uso veterinario, ma anche libri, un asciugatrice che verrà consegnata ad una famiglia con un bimbo piccolo, un riscaldatore per stalle anch’esso già destinato ad un allevatore del luogo e materiale scolastico per bambini. “Inizialmente – spiegano gli Angeli della Bassa da cui l’iniziativa è partita insieme al quindicinale Sportfoglio, ai comuni di Martignana Po, Gussola e Rivarolo del Re e all’Enpa di Calvatone, con l’appoggio dell’UDA di Casalmaggiore e Pro Loco – non pensavamo a tanto. Poi alla raccolta si è unita Parma e Cremona ed è grazie anche a loro che l’iniziativa è arrivata ai numeri attuali. Sarebbero tantissime le persone e le associazioni da ringraziare. Avremo modo al ritorno di farlo”. Ieri sera è stato comunicato alla ventina di presenti che il progetto SOS A-mici andrà avanti anche dopo la prima consegna. “Partiremo poi, ogni volta che avremo uno o due carichi, per portarli lì. Si è formato un bel gruppo di associazioni, di persone, realtà territoriali provinciali ed extra provinciali che hanno sposato in pieno l’intento di proseguire anche dopo questa raccolta che si chiude mercoledì 8, ed alcune donazioni ci sono state promesse ed arriveranno dopo la nostra partenza. L’intento è quello di continuare a portare lì tutto quel che raccoglieremo. Per animali e per le famiglie, non è stato detto no a nessuno. Lavoreremo con loro e con i volontari del luogo coordinandoci. Cè un bel progetto poi legato ai bambini per la tarda primavera, ma è tutto in fase di studio, avremo modo di parlarne”. Domenica mattina altra serie di iniziative prima del ritorno a casa previsto per la tarda serata. Una staffetta casalasca porterà a casa due cuccioli adottati da altrettante famiglie dell’Oglio Po. SOS A-Mici avrà una propria pagina facebook dalla quale chi resterà a casa e i donatori potranno seguire le varie fasi del progetto. “Tutto sarà documentato e rendicontato. Lo dobbiamo ai donatori e a tutti coloro che hanno creduto in noi. A tutti loro va il nostro sentito grazie”.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti