Commenta

Pierdante Piccioni, l'uomo
che perse la memoria,
ospite del Rotary CVS

Di quella incredibile vicenda Piccioni ha scritto un libro intitolato appunto "Meno 12" che lunedi presenterà alla conviviale del Rotary Casalmaggiore Viadana Sabbioneta presso il ristorante Locanda Ginnasio
Pierdante Piccioni (foto Maurizio Bosio)

VIADANA – Lunedi 6 febbraio alle 21 a Viadana incontro con un personaggio la cui storia è già stata diffusa dagli organi d’informazione  di mezzo mondo. Si tratta del medico cremonese Pierdante Piccioni che aveva perso la memoria per dodici anni  è sparito per 12 anni, a causa di un vuoto incredibile. Quando dopo cosi tanti anni si è risvegliato dal coma è stato come scoprire una nuova vita.

Nel 2001, quando lavorava a Crema, i suoi figli avevano 8 e 10 anni. Ma adesso erano lì, ed erano due giovanotti con la barba, che studiavano all’Università. Erano quelli i suoi figli? Sua moglie la riconobbe per gli occhi, solo per quello.

Per lui era solo come se fosse un giorno qualunque di 12 anni prima, quando lavorava ancora a Crema, i bambini erano piccoli, sua mamma era viva e sua moglie era molto più giovane. Lo choc più grosso fu quando si vide allo specchio per la prima volta. Ma era impossibile, quello non era lui!

In quella morte della memoria, anche il tempo è andato avanti, c’è Obama al posto di Bush presidente dell’America, c’è stato l’attentato alle Torri gemelle, c’è il terrorismo islamico, aveva lasciato Berlusconi che governava e adesso lo ritrova un po’ fuori e un po’ dentro, pieno di guai giudiziari, e a comandare c’è un giovane che allora aveva quasi i calzoni corti, Matteo Renzi. «Io sono tifoso della Juventus e ho scoperto che era stata persino condannata e retrocessa in serie B». Di quella incredibile vicenda Piccioni ha scritto un libro inttiolato appunto “Meno 12” che lunedi presenterà alla conviviale del Rotary Casalmaggiore Viadana Sabbioneta presso il ristorante Locanda Ginnasio di Viadana.

Rosario Pisani

 

© Riproduzione riservata
Commenti