Commenta

Atti vandalici via Saffi, fermato
29enne grazie a videoriprese
comunali e private

Le telecamere ne avevano registrato gli spostamenti sino a piazza Garibaldi. Quelle pubbliche avevano permesso di registrare gli spostamenti da via Saffi in via Cairoli sino a piazza Garibaldi, quelle private poi di dare al vandalo una fisionomia precisa
Nella foto di repertorio i danneggiamenti di qualche tempo fa in via Favagrossa

CASALMAGGIORE – Questa volta non l’ha fatta franca. Le immagini registrate dalle telecamere della videosorveglianza comunale unitamante a qualche filmato di impianti di sorveglianza privati hanno permesso di risalire al colpevole dei danneggiamenti di martedì sera dell’auto parcheggiata in via Saffi, una Multipla di un professionista piadenese. Il colpevole è un cittadino indiano 29enne, M.S., ospite di un connazionale fermato ieri in centro. Il giovane, riconosciuto dall’abbigliamento e dal taglio di capelli, ha confessato la bravata e si è detto disposto a risarcire il danno. Questo non lo ha salvato dalla denuncia. Il giovane, martedì sera, era sceso dall’argine in compagnia di un amico e, giunto all’altezza dell’autovettura parcheggiata in via Saffi, in evidente stato di ebrezza, ne aveva sfondato il vetro senza asportare nulla per poi scappare. Le telecamere però ne avevano registrato la fisionomia e gli spostamenti sino a piazza Garibaldi. Quelle pubbliche avevano permesso di registrare gli spostamenti da via Saffi in via Cairoli sino a piaza Garibaldi, quelle degli esercenti privati poi di dare al vandalo una fisionomia precisa. Il 29enne al momento del fermo peraltro indossava gli stessi vestiti della sera prima. Se un caso è stato brillantemente risolto dalla polizia comunale, restano tutt’ora aperte le indagini sui danneggiamenti che nei mesi scorsi hanno coinvolto altre vetture tra via Giordano Bruno e via Favagrossa. E’ da escludere che il protagonista dell’ultima bravata sia lo stesso delle altre, ma la municipale sarebbe sulle tracce di altri vandali che hanno imperversato in città.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti