Cronaca
Commenta

Nutrie: il Coordinamento PD Oglio Po continua il volantinaggio nelle piazze

Con un comunicato l'organismo ha inoltre espresso preoccupazione per l'immobilismo che si è creato nell'ultimo anno sulla caccia alle nutrie e espresso forti perplessità sulla politica operata a riguardo dall'amministrazione leghista della Regione Lombardia.

COMPRENSORIO OGLIO PO – Continuano le prese di posizione del Pd sulla questione della lotta alle nutrie e sull’operato della Regione Lombardia. Dopo quella del Consigliere Regionale PD Marco Carra è arrivata anche quella del Coordinamento PD dell’Oglio Po, che, in un comunicato, esprime preoccupazione per  “l’immobilismo che in questo ultimo anno si è creato per la caccia alle Nutrie” e annuncia il proseguimento fino a sabato del volantinaggio in tutte le piazze del territorio, da Marcaria a Casalmaggiore di un foglio che vuole essere provocatorio nel suo chiedere molto chiaramente:

Se l’amministrazione Leghista della regione Lombardia ha stanziato 610.000 euro anno per la sola comunicazione all’assessorato all’agricoltura, è possibile che abbia messo zero euro per la lotta contro le nutrie?

Gli esponenti del Coordinamento PD dell’Oglio Po si chiedono inoltre: “Se la colpa è solamente del governo perché la regione Emilia Romagna non è rimasta ferma e ha immediatamente preso una forte posizione e gia dall’anno scorso con un serio piano regionale di abbattimento delle nutrie hanno coinvolto associazioni di agricoltori, consorzi, provincie e comuni e da tempo stanno lavorando per il territorio? Su una cosa siamo d’accordo anche il ministero deve fare la sua parte e sbloccare i fondi sul randagismo”.

Con  una considerazione finale: “Tutti questi ritardi ci possono far pensare male, come magari che la maggioranza con Forza Italia in Lombardia sostenuta anche da esponenti come la Brambilla, che difendono le nutrie, abbia portato a questa paralisi, pertanto la loro unica alternativa è stata quella di cercare altri colpevoli e non risolvere il problema”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti