Ambiente
Commenta

Prima Vero Vico Pulita, tanti bambini per l'ambiente Trovato anche eternit

“Abbiamo trovato tante bottiglie di vetro e plastica, ormai un classico - spiega Stringhini - senza dimenticare numerosissimi “Gratta e vinci”, vari indumenti, e anche coperte, scarpe, sveglie e radio”. Alla fine dell’iniziativa si è tenuto il pranzo comunitario presso la sede dell’As Vicomoscano. FOTOGALLERY

VICOMOSCANO (CASALMAGGIORE) – Una quarantina di volontari, quattro trattori più un carretto trascinato a mano: il tutto in nome della pulizia e dell’ambiente. E’ andata in scena domenica Prima Vera Vico Pulita, l’iniziativa che rappresenta una costola di Primavera Pulita, organizzata lo scorso 12 marzo a Casalmaggiore.

Nonostante le previsioni meteo non certo incoraggianti, la manifestazione non si è fermata e il numero di partecipanti, anzi, è stato addirittura superiore al previsto. Tanti anche i bambini, il che rappresenta un ottimo segnale, tenendo conto che alle nuove leve la morale di questi eventi è principalmente rivolta: molti di loro si sono divertiti pulendo. Partiti alle 8.30 dopo il ritrovo al campo dell’As Vicomoscano, i vari gruppi hanno pulito i tratti più delicati della frazione. In particolare il tratto di via Staffolo che porta all’ospedale Oglio Po più la zona del nosocomio: a prendersi cura di queste due parti della frazione sono stati proprio i più piccoli assieme ai genitori, in tutta sicurezza, essendo quei punti chiusi al traffico veicolare.

Altre squadre di volontari hanno invece ripulito la strada bassa che da via Cellini porta al Centro commerciale Padano, oltre alle aree di sosta della Gronda Nord, spesso usate come discarica dai camionisti e anche dai cittadini. “Qui – precisa l’organizzatore Stefano Stringhini, consigliere comunale del delega all’Ambiente – purtroppo abbiamo trovato anche eternit tra le piante e già lo abbiamo segnalato a Casalasca Servizi che provvederà alla rimozione”. Ripulite anche la strada per Motta San Fermo fino al depuratore, la ciclabile per Casalmaggiore, via delle Salde, ossia la strada che porta alle suore Figlie di Gesù Sofferente, e tutta via Lazzaretto fino a Fossacaprara. Proprio in via Lazzaretto il materiale raccolto è stato scaricato, in attesa che Casalasca passi lunedì per il ritiro.

“Abbiamo trovato tante bottiglie di vetro e plastica, ormai un classico – spiega Stringhini – senza dimenticare numerosissimi “Gratta e vinci”, vari indumenti, e anche coperte, scarpe, sveglie e radio”. Alla fine dell’iniziativa si è tenuto il pranzo comunitario presso la sede dell’As Vicomoscano. “Il brindisi è stato per la nostra iniziativa – ha concluso Stringhini – nella speranza che si ripeta presto, ma anche che possa esservi sempre meno bisogno di queste manifestazioni. La presenza di tanti bambini però ci incoraggia perché è anche e soprattutto da loro che il rispetto per la natura deve ripartire”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti