I commenti sono chiusi

La serata della danza e quei
passi d'emozione ricordando
Francesca Cerati a Teatro

Il momento più toccante è arrivato quando, mentre in sala era presente Laura Passerini, madre di Francesca, alla ragazza è stato dedicato un pezzo, coreografato ed eseguito appositamente da Alessandro Formis, il quale teneva molto a questa performance in onore di Francesca, tanto da essere rientrato appositamente da Madrid.

CASALMAGGIORE – E’ stata la serata dedicata alla danza, ma soprattutto al ricordo di Francesca Cerati. Che, in fondo, alla danza aveva dedicato tutta se stessa. La 32enne di Casalmaggiore scomparsa lo scorso 8 marzo per un tragico incidente stradale era presente in spirito sabato al Teatro Comunale, nella giornata internazionale dedicata appunto alla danza, alla quale avrebbe senz’altro preso parte se il destino non avesse scelto diversamente.

E’ stata una manifestazione molto toccante, organizzata dall’assessorato alla Cultura di Casalmaggiore, dal Teatro stesso e dall’associazione Dimensione Danza di Nilla Barbieri, dove proprio Francesca aveva mosso i primi passi, conoscendo questa magica arte. Tramite le coreografie scelte dalla stessa Barbieri e dal suo gruppo è stata messa in scena la storia e l’evoluzione della danza, spiegata anche ad inizio spettacolo con una breve introduzione parlata con immagini proiettate a corredo. Si è partiti da Tersicore, musa della danza per ripercorrere poi storia, stili e grandi personaggi legati a questo mondo: dalle danze primordiali, passando dal Medioevo al balletto romantico, il balletto di repertorio, la contemporaneità fino a Isadora Duncan, considerata come la precorritrice della danza moderna. All’interno anche un inserto pensato dal gruppo Muvs, con un cammeo della durata di dieci minuti.

Il momento più toccante è arrivato però quando, mentre in sala era presente Laura Passerini, madre di Francesca, alla ragazza è stato dedicato un pezzo, coreografato ed eseguito appositamente da Alessandro Formis, il quale teneva molto a questa performance in onore di Francesca, tanto da essere rientrato appositamente da Madrid, capitale spagnola dove ormai vive in pianta stabile. Non sono mancati commozione e sentiti applausi. Questa sera (domenica) il Teatro Comunale riapre il proprio sipario per la giornata internazionale del Jazz, con 40 musicisti dal territorio che si alterneranno dalle ore 21.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti