Commenta

Streetbasket, la carica
dei 150: piazza Garibaldi
come un grande parquet

Un momento di sport, una scorpacciata di palla a spicchi: qualche numero, forse, rende meglio l’idea. Ventidue squadre, 150 bambini impegnati, 80 partite da 10 minuti l’una giocate in contemporanea con la formula del 3 contro 3 su cinque campi ricavati sul “listone” di piazza Garibaldi a Casalmaggiore.

CASALMAGGIORE – Se l’anno scorso era stato l’antipasto, quest’anno il basket da strada, o streetbasket, è stato il piatto forte di una domenica assolata e molto calda, che però non ha scoraggiato i giovani atleti, arrivati dalle province di Cremona, Mantova, Parma e Reggio Emilia, per il primo trofeo organizzato dal Basket Casalmaggiore, assieme anche agli sponsor E’ Più e Allianz Assicurazioni.

Un momento di sport, una scorpacciata di palla a spicchi: qualche cifra, forse, rende meglio l’idea. Ventidue squadre, 150 bambini impegnati, 80 partite da 10 minuti l’una giocate in contemporanea con la formula del 3 contro 3 su cinque campi ricavati sul “listone” di piazza Garibaldi a Casalmaggiore. Ottimi numeri, dunque, per una iniziativa che gli organizzatori hanno già promesso di ripetere nei prossimi anni: anche perché il movimento che si è creato in piazza, con il truccabimbi, i gonfiabili e il ristoro mangereccio preparato dal locale Piasa Vecia, con tanto di goliardica Coppa Malvasia per uno degli organizzatori, è stato importante per il commercio, al di là del lato meramente sportivo. E se il divertimento dei piccoli era il principale obiettivo della domenica, ecco che pure far rivivere la piazza era uno dei target che gli organizzatori si erano preposti. Queste le squadre partecipanti, che hanno poi costituito i 22 team al via: Casalmaggiore, Noceto, Fontevivo, Piadena 2000, Viadana, Rivarolo del Re, Reggiolo, Calerno e Malagnino.

Robby Moto, azienda di Casalmaggiore, ha dato una mano alla logistica, installando un piccolo capannone, o maxi gazebo, fate un po’ voi, che ha offerto ombra e frescura, riparo ad una giornata davvero assolata. Il grazie degli organizzatori è andato anche a Padana Soccorso per il servizio sanitario, al comune di Casalmaggiore per il patrocinio e alla società Tazio Magni Gussola, che ha prestato quattro canestri. Non sono mancati poi aspetti spettacolari: la musica del gruppo Vinylistic ha accompagnato l’intera giornata, dalle 10 alle 18 con una piccola pausa all’ora di pranzo, mentre in diversi momenti si è assistito allo show di Alessio Bardino, dei Dunk Italy, per tutti slow motion, anche se a giudicare dai numeri che fa con la palla da basket il soprannome non sembra il più indicato.

Uno spettacolo per gli occhi prima di riprendere una giornata che ha visto trionfare Casalmaggiore nella categoria Scoiattoli e Viadana in quella Aquilotti: un po’ per uno insomma, così che anche le partite e l’assegnazione dei trofei non ha scontentato nessuno. I premi sono andati a tutti i bambini (e bambine) partecipanti con cappellini dell’E’ Più Casalmaggiore e pistole spara-acqua. E ora i progetti sono già rivolti al 2018. Lo streetbasket si è preso la piazza e ci ha preso gusto: così tra dodici mesi sarà pronto a rimettere le tende sul “listone”.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti