Commenta

Pomponesco, tra Baruffaldi
e Angelicchio è testa a testa:
siamo alla resa dei conti?

Cinque anni fa i candidati furono tre (Baruffaldi, che poi vinse, e ancora Gardini e Fava). Stavolta sarà invece sfida a due, per provare a intercettare gli oltre mille voti degli aventi diritto. Anche qui, come negli altri tre comuni del comprensorio che andranno alle urne, si vota dalle 7 alle 23 di domenica.
Nella foto Baruffaldi e Angelicchio

POMPONESCO – E’ sfida a due, stavolta a differenza di cinque anni fa. E con prospettive invertite: perché se nel 2012 fu il centrosinistra a sfilare il comune al centrodestra, in quel caso con Lega Nord e Forza Italia che si presentarono con i simboli ben chiari a sostegno di Marco Fava, stavolta la ricandidatura di Giuseppe Baruffaldi con la lista “Pomponesco Unito” ha stimolato la voglia di rivalsa di una lista civica, guidata da Silvia Angelicchio, che mira a rendere la pariglia e a “vendicare” il maltolto.

Baruffaldi si presenta così: “Ho lavorato per cinque anni, sputando sangue per il mio paese e l’ho fatto volentieri. Ora il desiderio è di dare continuità ai progetti, in parte conclusi e in parte da completare. Ho sentito molte cattiverie sul mio conto, sul fatto che non avrei fatto nulla: io lascio che a giudicare sia l’elettore, ma ho la coscienza pulita, perché ho fatto anche più di quello che era il mio dovere. Ricordo però alla Lega Nord che mi critica che fino al 2012 il sindaco era loro ed evidentemente la gente di Pomponesco manifestò forte desiderio di cambiamento proprio perché poco soddisfatta”.

Angelicchio, dal canto suo, si pone in discontinuità. La lista civica “Insieme per Pomponesco” mira a intercettare i voti del popolo di centrodestra e moderato, ma non si presenta stavolta con simboli di partito. “Quello che vogliamo sottolineare è come il nostro programma miri a rimarcare determinati punti che riteniamo essenziali come Sicurezza, Ambiente, Servizi alla Persona, Commercio e Urbanistica, con attenzione al patrimonio di Palazzo Cantoni e della Garzaia. Il programma di Baruffaldi, invece, ripropone le stesse cose di cinque anni fa: dunque o dall’altra parte hanno poca fantasia, oppure in questi cinque anni non hanno fatto quello che avrebbero dovuto e ora ci riprovano. Speriamo che la gente di Pomponesco abbia capito da che parte sta chi promette e non mantiene, perché questi ultimi cinque anni hanno chiarito bene il concetto”. In lista con Angelicchio c’è pure Daniele Panizzi, sindaco di Pomponesco fino al 2012, nel mandato durante il quale Angelicchio fu peraltro consigliere con delega.

Ricordiamo che cinque anni fa i candidati furono tre (Baruffaldi, che poi vinse, e ancora Gardini e Fava). Stavolta sarà invece sfida a due, per provare a intercettare gli oltre mille voti degli aventi diritto. Anche qui, come negli altri tre comuni del comprensorio (Gazzuolo, Torricella del Pizzo e Bozzolo) che andranno alle urne, si vota dalle 7 alle 23 di domenica.

Di seguito ecco i candidati:
Candidato sindaco: Giuseppe Baruffaldi
Lista Pomponesco unito: Marzia Barigazzi, Federica Cortese, Marco Fragni, Mattia Lana, Rossano Rossetti, Fabio Spagnolo, Alberto Testa.
Candidata sindaco: Silvia Angelicchio
Lista Insieme per Pomponesco: Ermanno Buttarelli, Maicol Caffarra, Alessandro Civa, Daniele Panizzi, Marco Remagni, Luca Savazzi, Valeria Ricci, Fabio Teopompi, Angelo Tuminiello, Paola Zucchi.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti