I commenti sono chiusi

Festa "I nostri amici": Cogozzo
e Cicognara ricordano Alberto
Dalla Chiesa in una stele

La festa è proseguita domenica con attività più “mondane”, per così dire: dalle 14.30 la gara di torte da forno, poi dalle 16 la dimostrazione dei cani di obedience con l’associazione ConFido di Viadana (tutto questo a Cogozzo), mentre a Cicognara alle 18 è stata celebrata la messa di fine anno scolastico.
Foto Lorenzo Avosani

COGOZZO/CICOGNARA – Due frazioni, entrambe di Viadana, unite nel ricordo di un grande personaggio del nostro tempo, il Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa, e nel festeggiare poi l’anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che compie 203 anni di storia. La 16esima manifestazione dal titolo “I nostri amici” è partita ufficialmente sabato 10 giugno presso gli oratori di Cogozzo e Cicognara, col patrocinio del comune di Viadana, e ha toccato da vicino l’Unità Pastorale della Beata Vergine delle Grazie.

Alle 17.30 a Cogozzo il ritrovo in piazza ha fatto da preludio alla nuova stele e all’intitolazione della piazza proprio al Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, mentre alle 18.30 sempre a Cogozzo è stata celebrata la messa prima del buffet consumato attorno alle 20. Il sindaco di Viadana Giovanni Cavatorta nel suo saluto ha spiegato come “la nostra presenza e il nostro ricordo siano a testimoniare che il coraggio e il sacrificio non sono morti assieme a lui”. Cavatorta ha infatti ricordato, oltre a Dalla Chiesa, pure la moglie e l’agente di polizia di scorta che caddero sotto i colpi di un agguato mafioso a Palermo il 3 settembre 1982. “Occorre tenere alta la guardia contro la criminalità organizzata – ha detto Cavatorta – e non minimizzare il fenomeno: purtroppo negli ultimi anni anche Viadana ha subito l’onta di salire alla ribalta della cronaca nazionale per notizie legate alla criminalità organizzata, che non appartengono alla nostra cultura”. Cavatorta ha ringraziato l’Associazione Nazionale Carabinieri per avere organizzato questo momento, oltre al consigliere Romano Bellini. Il sindaco ha anche ricordato i lavori di ristrutturazione portati avanti alla caserma di Viadana, per un importo di circa 100mila euro, “segno tangibile della nostra riconoscenza per il vostro operato”. Erano presenti anche l’assessore alla Cultura della Provincia di Mantova Francesca Zaltieri e il sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, oltre all’Associazione Carabinieri in Congedo.

La festa è proseguita domenica con attività più “mondane”, per così dire: dalle 14.30 la gara di torte da forno, poi dalle 16 la dimostrazione dei cani di obedience con l’associazione ConFido di Viadana (tutto questo a Cogozzo), mentre a Cicognara alle 18 è stata celebrata la messa di fine anno scolastico e alle 19.30 è stata consumata la grigliata all’oratorio. Lunedì e martedì tra Cogozzo e la Sala MuVi di Viadana, ultimi due appuntamenti della festa “I nostri amici”. Nel dettaglio lunedì alle 21, al centro parrocchiale di Cogozzo, il presidente della Provincia di Mantova Beniamino Morselli e il sindaco di Viadana  Cavatorta faranno il punto sulla Gronda Nord, di cui si sta completando la realizzazione del tratto Quattrocase-Fenilrosso. Martedì 13 (alle 21 al Muvi di Viadana) sarà presentato infine il volume “Fuoco criminale. La ‘ndrangheta nelle terre del Po”: un’inchiesta realizzata da Rossella Canadé, giornalista della “Gazzetta di Mantova”. Interverrà Luigi Caracciolo.

G.G.

© Riproduzione riservata
Commenti