Ultim'ora
Commenta

Luna, la nonnina Breton
dal passato sofferto
adottata in Piemonte

“Oggi Luna ha raggiunto la sua nuova famiglia accompagnata dal nostro volontario Fabio. Non possiamo che essere emozionati nel vedere un altro meraviglioso cane diversamente giovane accolto da una giovanissima coppia, che ha aperto il loro cuore a chi aveva più bisogno”

La coppia piemontese che ha adottato Luna

CALVATONE – Un altro piccolo miracolo, di cui andare fieri. Perché i volontari del Canile di Calvatone e il personale Anpana sono maghi con la bacchetta magica e a farli – i miracoli – qualche volta ci riescono davvero. E’ il cuore che li guida, e la passiona – l’immensa passione – per quel che fanno che ne anima i passi. Lei è Luna, una Breton Epagneul con una tristissima storia alle spalle. Non si sa neppure quando è nata, età presunta nove anni o poco più. Viveva in un box angusto, con pochissime cure, tra i suoi escrementi e nutrita di tanto in tanto. E’ arrivata in canile – non senza difficoltà – con una brutta infezione alle orecchie non curata da chissà quanto tempo. Si è subito ambientata Luna: deve esserle parso anche il canile, rispetto alle condizioni precedenti, una piccola reggia. E’ subito entrata nel cuore dei volontari con quel suo spirito un po’ introverso, la poca dimestichezza con gli umani ma ugualmente il piacere a ricevere coccole ed attenzioni. A leggere la sua storia una coppia piemontese, Irene e Marco. Per loro è scattato il colpo di fulmine anche perché Luna ricordava loro Didi, la loro Breton morta di vecchiaia. Non ci hanno pensato due volte e ieri l’annuncio che ci si attendeva: “Oggi Luna ha raggiunto la sua nuova famiglia accompagnata dal nostro volontario Fabio. Non possiamo che essere emozionati nel vedere un altro meraviglioso cane diversamente giovane accolto da una giovanissima coppia, che ha aperto il loro cuore a chi aveva più bisogno”. Un’altra nonnina che se ne va verso un divano, una casa e una famiglia che le regalerà tanto amore. Ne restano altri di nonni in canile, accuditi con infinito amore dai volontari. Altri che han bisogno di affetto e di vita, almeno per il tempo che a loro resta. L’invito è sempre quello di seguirli nella pagina facebook – Canile Rifugio La Cuccia e il Nido Anpana Onlus – o di andarli a trovare. Sono aperti tutti i giorni dalle 14:30 alle 18:30, weekend compreso, telefono 348/5929761. La loro bacchetta magica e gli occhi dei cani che abitano momentaneamente lì faranno il resto. Se poi qualcuno volesse aggiungersi ai volontari è sempre ben accetto.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti