Cronaca
Commenta

Dà fuoco alla paglia nel suo campo ma viene avvolto dalle fiamme

Per l'uomo classe 1928, doveva trattarsi solo di togliere di mezzo delle sterpaglie. Ma è stato avvolto dalle fiamme che hanno bruciato anche la sua auto. E' stato trasportato con l'eliambulanza a Parma, ha ustioni sul 50% del corpo.

SAN MARTINO DEL LAGO – E’ ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Parma un uomo che nel primo pomeriggio di lunedì, nei terreni di sua proprietà posti nel comune di San Martino del Lago, tra le frazioni di Caruberto e San Faustino, ha cercato di bruciare alcune sterpaglie ed è stato avvolto dalle fiamme.

Per A.O., queste le sue iniziali, classe 1928, doveva trattarsi solo di togliere di mezzo della paglia che non era stata inclusa nelle rotoballe già pronte nel campo per essere rimosse. Ma una volta accese, le fiamme si sono propagate in fretta fino a raggiungere l’auto dell’uomo, una Fiat Panda. Due i particolari che hanno reso tragica una situazione forse di routine: l’orario, le 13, il più caldo della giornata, che ha favorito il propagarsi delle fiamme e il clima molto secco, col termometro che superava i 30° C. La presenza nelle immediate vicinanze dell’auto poi poteva complicare ulteriormente la situazione, dando origine a una esplosione dal serbatoio. E proprio per salvare la vettura l’uomo è rimasto ustionato. Nel tentativo probabilmente di riuscire a togliere il veicolo dall’incendio, si è avvicinato, ma fumo e fiamme hanno avuto la meglio, e il classe 1928 è caduto a terra, privo di sensi, proprio vicino alla vettura.

A far scattare i soccorsi è stata una parente che ha notato l’incendio ed ha chiamato i vigili del fuoco. Questi sono giunti da Cremona, insieme ad un’ambulanza di Padana Soccorso, all’automedica e all’eliambulanza che ha trasportato l’uomo all’ospedale di Parma, svenuto a pochissimi centimetri dall’automobile, con ustioni su circa il 50% del corpo. Le sue condizioni sono gravi. Sul posto anche i carabinieri di Scandolara Ravara e di Solarolo Rainerio.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti