Ultim'ora
Commenta

Chimica Pomponesco: esplode
impianto di raffreddamento
Paura e due operai feriti

Non si conoscono ancora con certezza i motivi dell'esplosione, ma a "saltare" è stato un impianto di raffreddamento Il sindaco Baruffaldi, subito sul posto, ha escluso rischi per la salute dei cittadini. Due feriti non gravi. Paura dopo il boato tra i residenti nella zona. FOTOGALLERY

POMPONESCO – Un boato, una grossa esplosione: questo i testimoni raccontano di avere sentito giovedì mattina attorno alle 7.10 da via delle Industrie, presso la Chimica Pomponesco. Ad esplodere sarebbe stato un impianto contenente acqua per il raffreddamento, probabilmente per il malfunzionamento di una valvola. Il tutto è partito dalla parte inferiore dell’edificio: il botto ha scardinato un pilastro, provocando un cedimento di parte del capannone  alcune vetrate sono andate in frantumi e i vetri infranti sono stati come “sparati” a diversi metri di distanza. Il botto peraltro sarebbe stato sentito anche in paese, tanto che alcuni cittadini hanno temuto si trattasse di un terremoto.

L’esplosione ha creato una breccia nel vicino muro di recinzione, confermando che tutto è partito dal basso. I danni sono ben visibili e lo scenario impressiona, come ha potuto verificare il sindaco Giuseppe Baruffaldi che è sul posto insieme al sindaco di Dosolo Vincenzo Madeo e al suo vice Uber Pasquali: proprio il primo cittadino di Pomponesco ha escluso da subito fuoriuscite di materiale chimico nocivo. Due i feriti (due uomini di 34 e 37 anni) in modo non grave fortunatamente, per i quali comunque è intervenuta prontamente l’ambulanza della Padana Soccorso. Sul posto anche Vigili del Fuoco di Mantova, i Carabinieri di Viadana, oltre all’AAT di Mantova e la Polizia Locale di Pomponesco.  Si attendono sviluppi, per accertare le cause esatte dell’esplosione. Attorno alle 10 sul posto è intervenuta anche l’Arpa, assieme a personale incaricato dell’Ats di Mantova, mentre i Vigili del Fuoco hanno messo in sicurezza la parte pericolante dello stabile.

Giovanni Gardani-Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti