Commenta

Quattrocase e le sue zucche,
nuovo pienone. E 4mila euro
donati a Croce Rossa casalese

La festa nella defilata frazione di Casalmaggiore - in effetti una volta erano davvero solo quattro case che adesso si sono ampliate ed estese - ha registrato un successo clamoroso, ancora una volta (da diversi anni il successo è garantito), con una partecipazione esagerata in tutte e tre le serate, da venerdì a domenica sera.
Nella foto il pienone per il concerto degli AlterEgo (foto Cristina Reggiani)

QUATTROCASE (CASALMAGGIORE) – La chiamano “Quattrocase e le sue zucche”: in effetti devono essere zucche benpensanti, quelle che vivono in questo piccolo paese se in tre giorni sono riuscite a raccogliere ben 4mila euro, solo con la vendita dei biglietti della lotteria, da destinare alla sezione della Croce Rossa di Casalmaggiore che sta costruendo in via Repubblica una grande nuova sede.

La festa nella defilata frazione di Casalmaggiore – in effetti una volta erano davvero solo quattro case che adesso si sono ampliate ed estese – ha registrato un successo clamoroso, ancora una volta (da diversi anni il successo è garantito), con una partecipazione esagerata in tutte e tre le serate, da venerdì a domenica sera. Ad attirare la gente, con le auto parcheggiate in fila per un paio di chilometri da una parte e l’altra del paese, certamente i tortelli di zucca serviti sotto forma di fantasiose ricette, ma molto apprezzato anche il risotto, dove l’ingrediente della zucca era sempre presente con in più l’aggiunta dei funghi. Quintali di pasta ripiena preparata con maestria da giovani volontari con la passione per la cucina anche se nella vita magari studiano architettura o ingegneria.

Altro ingrediente che spiega il successo dell’annuale manifestazione è pure la musica con la possibilità di ballare liscio, moderno e latino americano (con i concerti di Jolanda Moro, l’Happy Hour Show con gli AlterEgo e infine l’orchestra Claudia Band domenica). Un bel segnale per gli organizzatori di Quattrocase che in tal modo ricevono una bella carica di entusiasmo e la spinta per continuare nei prossimi anni con una voglia di darsi da fare sempre maggiore.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti