Cronaca
Commenta

Insegue il ladro, che gli aveva rubato il portafoglio e questi lascia il malloppo: presa la targa

“Dalla finestra ho avuto la fortuna di vedere una macchina - spiega il 55enne - un’Alfa Romeo 147 nera fermarsi a bordo strada. Forse memore della precedente esperienza ho voluto vedere cosa succedeva e ho notato un uomo di carnagione chiara, biondino, che si è avvicinato al mio furgone prelevando rapidamente il borsello".

Nella foto una veduta di Cicognara

CICOGNARA (VIADANA) – Qualche tempo fa gli era andata male avendo subito il furto del borsello che conteneva 700 euro. Stavolta invece è andata male al ladro il quale, vistosi rincorso, ha mollato il malloppo fuggendo a mani vuote. E’ la stessa vittima, G.B. di 55 anni, noto commerciante di pennelli di Cicognara a raccontare la vicenda.

“Dalla finestra ho avuto la fortuna di vedere una macchina – spiega – un’Alfa Romeo 147, 16 valvole nera fermarsi a bordo strada. Forse memore della precedente esperienza ho voluto vedere cosa succedeva e ho notato un uomo di carnagione chiara, biondino, che si è avvicinato al mio furgone prelevando rapidamente il borsello. Proprio come la volta precedente, solo che stavolta c’erano dentro molti meno soldi. Però c’erano carte di credito, chiavi, patente e tutti quei documenti dei quali una persone non può fare a meno. Senza pensarci su mi sono precipitato fuori e ho cominciato a corrergli dietro sperando di acciuffarlo”.

“Avrò fatto una quindicina di metri di corsa – prosegue il commerciante – e lui a quel punto ha lanciato per terra il borsello risalendo sulla macchina a bordo della quale un complice lo attendeva. Sono riuscito a prendere il numero di targa e a riferirlo ai carabinieri, giunti sul posto con due pattuglie, da Gazzuolo e Casalmaggiore. Questi hanno potuto vedere le immagini della telecamera piazzata in via Risorgimento dove si nota l’auto in fuga. Tra l’altro la macchina non pare nemmeno rubata. La speranza è che riescano ad acciuffarli presto” il commento del determinato commerciante di pennelli.

Ros Pis

© Riproduzione riservata
Commenti