Commenta

Rotary Exchange, progetto
per i giovani illustrato in
un'Eridanea gremita di ospiti

Tre ragazzi casalaschi presenti hanno raccontato la loro esperienza di “family to family”: si tratta di Nicola, Federico e Benedetta, che si sono recati rispettivamente in Illinois, nel Tennessee e a Calgary in Canada. In seguito sono intervenute due ragazze statunitensi che da pochi giorni sono ospiti di famiglie casalasche.

CASALMAGGIORE – L’attività post-estiva del Rotary Club Casalmaggiore Oglio Po è iniziata nel segno dei giovani. Mercoledì sera alla Canottieri Eridanea di Casalmaggiore sono stati protagonisti i ragazzi dello scambio giovani, del Rotaract e i partecipanti alle diverse edizioni del Ryla Junior.

In una sala gremita di giovani, erano presenti il segretario esecutivo distrettuale Maurizio Mantovani, il tesoriere distrettuale Luciana Stringhini, l’assistente del Governatore Antonio Morini, il responsabile distrettuale dei Rapporti Rotary-Rotaract Mauro Ferretto, i membri commissione distrettuale Rye (Rotary Youth Exchange) Luigia Bettoni e Pietro Sganzerla, i Presidenti dell’eClub 2050 Domenico Panarelli, del club Piadena Oglio Chiese Elisa Gozzi e del Rotaract Luca Bastoni, coordinatore del Ryla junior di Mantova e Casalmaggiore Roberto Bondavalli.

Partiamo dal Rotary Youth Exchange, il progetto rotariano che consente ai ragazzi tra i 15 e i 19 anni di trascorrere un periodo breve, medio e lungo in diverse parti del mondo. Un’occasione preziosissima di accrescere la propria cultura, consapevolezza e ovviamente conoscenza linguistica, ed in generale un’esperienza di vita ineguagliabile, che da qualche tempo è a disposizione anche dei ragazzi casalaschi grazie proprio all’impegno del Rotary.

Come ha illustrato Luigia Bettoni, l’offerta varia dal semplice camp, della durata di circa un mese e mezzo, sino all’intero anno scolastico che viene affrontato nel paese ospitante. Il Rotary offre la possibilità di effettuare il cosiddetto “family to family”: il ragazzo trascorre due mesi ospite della famiglia straniera, il cui figlio ricambia poi la visita per la stessa durata. Una grossa opportunità che consente un esborso economico decisamente inferiore per le famiglie interessate (anche perché il Rotary sopporta gran parte della spesa), oltre a consentire una vita in famiglia che rappresenta un indiscutibile valore aggiunto.
Proprio tre ragazzi casalaschi presenti hanno raccontato la loro esperienza di “family to family”: si tratta di Nicola, Federico e Benedetta, che si sono recati nelle scorse settimane rispettivamente in Illinois, nel Tennessee e a Calgary in Canada.

In seguito sono intervenute due ragazze statunitensi che da pochi giorni sono ospiti di famiglie casalasche: Millie (del club COP) e Nathalie (dell’eclub 2050). Rimarranno da noi fino a giugno frequentando le nostre scuole ed accumulando un’esperienza preziosa. Nel contempo, in questo primo anno di scambio internazionale del club COP, Gaia ha da poco iniziato la sua esperienza americana.

In seguito il discorso si è sportato sull’esperienza del Ryla Junior. Prima lo psicologo Roberto Bondavalli, anima del Ryla, ha spiegato come il fine sia diventare leader soprattutto di se stessi, grazie al contatto con persone che nella vita si sono realizzate, poi il presidente del club Marzio Somenzi, da tre anni responsabile del Ryla per il club, ha riconosciuto come si tratti di una crescita anche per i “grandi” che partecipano.

Sono poi intervenuti, ad illustrare l’esperienza personale, tanti ragazzi, che hanno raccontato come, ascoltando le esperienze personali di persone che, spesso superando momenti di grandi difficoltà, oppure nonostante la giovanissima età ma grazie a una grande detereminazione, hanno raggiunto grandi obiettivi, si sia imparato tra l’altro come uscire dalla “zona di comfort” e a non isolare dal gruppo il più debole. Daniela Borella, che succederà tra un anno a Somenzi, ha ricordato come Cremona in ottobre ospiterà una due giorni incentrata sulla lotta allo stigma in occasione della giornata mondiale. Quest’anno il tema è legato proprio all’adolescenza.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti