Cronaca
Commenta1

Sarzi Puttini, promotrice raccolta firme per il ponte "La politica dia risposte"

Il primo incontro lo si chiederà al sindaco Filippo Bongiovanni inoltrando a lui la richiesta di abbattere o per lo meno ridurre sensibilmente le tasse di competenza regionale e comunale. Contemporaneamente si vorranno conoscere le soluzioni prospettate

CASALMAGGIORE – A Marisa Sarzi Puttini, titolare del “Sale della Vita” di Vicobellignano si deve l’iniziativa che sta raccogliendo moltissime firme per la questione del ponte chiuso a Casalmaggiore. “Agli Amministratori e ai Politici dobbiamo far sentire la nostra voce. Non ci devono solo attribuire doveri ma riconoscere i diritti” spiega la promotrice del Comitato Operatori economici che unisce cittadini di Casalmaggiore e Sabbioneta.

“Quello che sta accadendo è un vero disastro e lo dico con il cuore, non certo per fare polemica. Sopratutto considerando che ci troviamo solo all’inizio del baratro e non sappiamo cosa ci aspetta. Ci sono supermercati che lavorano già meno perchè privi della clientela di Colorno e anche di la del fiume le cose stanno precipitando. Si parla ad esempio di un ristorante che avrebbe già chiuso perchè non poteva dare lavoro ai cinque dipendenti. Noi abbiamo il diritto di sapere quali sono realmente i danni, quanti soldi occorreranno chi li metterà e quando”.

Il primo incontro lo si chiederà al sindaco Filippo Bongiovanni inoltrando a lui la richiesta di abbattere o per lo meno ridurre sensibilmente le tasse di competenza regionale e comunale. Contemporaneamente si vorranno conoscere le soluzioni prospettate per eliminare l’isolamento tra Casalmaggiore e il parmense. Molti pendolari si adattano a viaggiare in treno recandosi in stazione in bicicletta come ad esempio l’ex olimpionico di canoa Simone Raineri occupato come Finanziere a Parma.

A lui però la bicicletta l’altro giorno è sparita rubata dai soliti approfittatori. Poi ci sono dentisti con lo studio a Parma che vorrebbero creare dei bus navetta per venire a prendere la clientela di qua del Po. Tanti rimedi provvisori ed espedienti che non possono continaure a lungo come fanno sapere i cittadini la cui protesta sta montando sempre di più, allo scopo di spingere chi di competenza a venire dire loro cosa sta succedendo e cosa li aspetta”.

Rosario Pisani

© Riproduzione riservata
Commenti