Ultim'ora
Commenta

Carabinieri Viadana, controlli
a tappeto: raffica di denunce
e 8mila euro totali di multe

"L’incremento dell'attività di controllo stradale, diurna e notturna, finalizzata soprattutto al contrasto dei reati predatori contribuisce al contempo a prevenire il fenomeno della guida in stato di ebbrezza - spiega il Capitano Gabriele Schiaffini - e ci permette così di incrementare l’attenzione".

VIADANA – Venerdì è stato effettuato un massiccio servizio coordinato di controllo del territorio da parte dei militari della Compagnia Carabinieri di Viadana, coordinati dal nuovo Capitano Gabriele Schiaffini. Nei comuni di giurisdizione della Compagnia di Viadana oltre 40 Carabinieri del Nucleo Operativo e radiomobile, diretti dal Luogotenente Loris Muzzo, e delle Stazioni dipendenti hanno infatti effettuato numerosi posti di controllo allo scopo di contrastare i reati predatori in genere, con particolare riferimento alle rapine ed ai furti in abitazione.

Sono così stati denunciati vari soggetti: nel dettaglio F. G., bosniaco classe 1981, residente a Viadana, operaio, per indebito utilizzo di carte di credito; M. R., marocchino classe 1980, residente a Bozzolo, nullafacente, pregiudicato, per furto aggravato; P. B., eritreo classe 1973, residente a Felizzano (Al), per truffa; G. F., italiano classe 1966, residente a Lugo di Vicenza (Vi) e F. S., italiano classe 1968 residente a Venezia, per truffa; L. B., italiano classe 1949, residente ad Acquanegra sul Chiese, pensionato, pregiudicato, per detenzione illegittima di munizioni; D. F., italiano classe 1995, residente a Castellucchio, operaio, per guida in stato di ebbrezza alcolica.

Nel corso del servizio sono inoltre state elevate 18 contravvenzioni al codice della strada, per importo complessivo di 7914 euro e sono stati controllati 3 locali notturni delle zona, oltre 100 vetture e 150 persone. “L’incremento dell’attività di controllo stradale, diurna e notturna, finalizzata soprattutto al contrasto dei reati predatori contribuisce al contempo a prevenire il fenomeno della guida in stato di ebbrezza – spiega il Capitano Gabriele Schiaffini – e ci permette così di incrementare l’ attenzione e i controlli anche sulle principali arterie, ancora troppo spesso teatri di gravissimi incidenti le cui conseguenze sono rese maggiormente triste dal fatto che il più delle volte risultano corollario del mancato rispetto alle norme del Codice della Strada”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti