Commenta

Pasquali (Lega) invita al voto
per referendum: "Occasione
storica. Comuni si impegnino"

"Anche la Lega Nord provinciale e dell'Oglio Po - prosegue Pasquali - sta iniziando a muoversi, con i propri militanti per questa battaglia che è di tutti i Lombardi e che si pone al di sopra delle sensibilità proprie di ogni partito".
Nella foto Pasquali (a destra) con Pasetti

MANTOVA – “A grandi passi ci si avvicina alla storica consultazione elettorale: il referendum per l’autonomia della Lombardia del 22 ottobre – scrive il responsabile politico provinciale Lega Nord per il referendum e vicesegretario di circoscrizione OglioPo, Marco Pasquali – . In tutti i comuni dell’Oglio Po si organizzeranno banchetti informativi e volantinaggi capillari. Tutti i cittadini devono essere raggiunti da un messaggio chiaro e netto: il 22 ottobre la Lombardia può muovere un grande passo verso modelli autonomistici di amministrazione quale il Trentino-Alto Adige o il Friuli Venezia Giulia, può far sentire la propria voce che dice: “Voglio che le tasse che i lombardi pagano restino sul territorio lombardo!”.
Altri movimenti politici e comitati civici hanno già iniziato la loro campagna per il Sì  e, al momento, nessuno si è ancora espresso per il No, ad eccezione del sindaco di Sabbioneta Vincenzi e quello di Medole Ruzzenenti, non senza un certo imbarazzo”.

“Anche la Lega Nord provinciale e dell’Oglio Po – prosegue Pasquali – sta iniziando a muoversi, con i propri militanti per questa battaglia che è di tutti i Lombardi e che si pone al di sopra delle sensibilità proprie di ogni partito. Basti pensare che anche il Movimento 5 Stelle, Forza Italia e buona parte del PD si stanno organizzando per la campagna per il Sì al referendum per l’autonomia. Mozioni che chiedono ai sindaci del nostro territorio di impegnarsi nel diffondere l’appuntamento del 22 ottobre sono state presentate in tutti i comuni dell’Oglio Po e presto sarà disponibile un elenco di tutti i consiglieri comunali (di maggioranza e minoranza) che danno il proprio sostegno al quesito referendario. In diversi comuni si stanno organizzando serate informative con ospiti di ogni estrazione partitica che fra la fine di settembre e il mese di ottobre faranno visita nel nostro territorio per spiegare alla gente l’importanza della partecipazione popolare a questo voto”.

“Si è ovviamente disponibili a far intervenire anche sostenitori del No – precisa Pasquali – a un referendum che potrebbe rivoluzionare l’attuale rapporto stato-regioni puntando a una vera responsabilizzazione delle “regioni sprecone” e a una sana valorizzazione delle “regioni virtuose” come la Lombardia. Al momento incontrare la disponibilità dei sostenitori del No non è cosa semplice. La partita è cominciata e il treno viaggia spedito. Manca poco più di un mese a un appuntamento che vede tutti i Lombardi protagonisti”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti