Commenta

Viadana, altro weekend di cultura:
mostra satirica sulla Grande
Guerra e concerto a Buzzoletto

Inoltre tra Cicognara e Viadana si terrà la commemorazione della Giornata dell’Unità Nazionale e Festa delle Forze Armate: verrà celebrata domenica, partendo alle 10 dal cimitero di Viadana con la posa della corona di alloro ai piedi della Croce intitolata alla memoria di “Quelli che non ritornano”.
Nella foto la cartolina satirica che fa da copertina alla mostra "Ridere del nemico"

VIADANA – Anche il primo weekend di novembre, così come già l’ultimo di ottobre, sarà all’insegna della cultura a Viadana. Tre le iniziative in programma, vediamole nel dettaglio. Al Museo della Città, ovvero al primo piano del MuVi, sabato alle ore 18 inaugurerà “Ridere del nemico”, mostra di cartoline satiriche risalenti al periodo della Prima Guerra Mondiale: si tratta di cimeli preziosi che le famiglie viadanesi Rizzi e Oselini hanno custodito in questi anni, dopo averle raccolte in tutta Europa.

A illustrare l’esposizione sono stati il professor Marino Morselli e Giuditta Pedrazzini del servizio civile, che hanno spiegato come tra le cartoline si trovi anche uno scambio davvero struggente tra due fidanzati di Viadana, separati proprio dal destino di guerra. Con loro Morselli e Pedrazzini ha collaborato anche l’appassionato di storia Luigi Cavatorta. “Queste cartoline erano il sistema più utilizzato in tempo di guerra per comunicare, perché con l’analfabetismo imperante di quegli anni era particolarmente difficile scrivere o leggere lettere dal fronte – spiega Morselli – così si ripiegava su queste cartoline: era un vero e proprio strumento di comunicazione, per tranquillizzare casa e dare un segnale di vita. Trattandosi di satira, in queste cartoline venivano presi in giro i nemici: si tratta di veri e propri pezzi d’arte realizzati dai migliori disegnatori dell’epoca. Abbiamo provveduto, con un gran lavoro di allestimento, a selezionare e poi ad ingrandire gli esemplari più piccoli”.

Come il sindaco Giovanni Cavatorta ha ricordato la mostra “Ridere del nemico”, che sarà aperta fino al 3 febbraio (orari: da lunedì a sabato 9.30-12.30, martedì e venerdì anche 15.30-18.30), fa seguito alle iniziative che, dal 2015 ad oggi, Viadana ha organizzato per celebrare ogni anno del Centenario della Grande Guerra: “L’anno scorso con “I Viadanesi risposero” raccogliemmo le lettere dal fronte – spiega il primo cittadino – ora passiamo alle cartoline satiriche. Per dare alla mostra un ruolo organico rispetto alle altre celebrazioni, abbiamo pensato di inserire anche il Museo della Città nel tragitto del 4 novembre”.

Ed è proprio questo il secondo grande evento del weekend: la commemorazione della Giornata dell’Unità Nazionale e Festa delle Forze Armate verrà celebrata domenica, partendo alle 10 dal cimitero di Viadana con la posa della corona di alloro ai piedi della Croce intitolata alla memoria di “Quelli che non ritornano”. Alle 10.30 Santa Messa nella chiesa di Santa Maria Assunta del Castello, poi dalle 11.15 corteo con la posa della corona alle lapidi del Municipio, il passaggio ai Giardini della Rimembranza con Monumento ai Caduti, l’ingresso al MuVi e, appunto, dopo l’intervento di Cavatorta, la visita alla mostra “Ridere del Nemico”. Anche la frazione di Cicognara, alle ore 9 di domenica, poserà una corona di alloro al Monumento ai Caduti: entrambi gli eventi saranno resi più solenni dalla partecipazione del corpo bandistico “Grossi”.

L’ultimo evento è invece musicale: torna infatti “Musica intorno al Fiume” e lo fa nella chiesa di Buzzoletto, frazione di Viadana. A illustrare l’evento è stata l’assessore alla Cultura Ilaria Zucchini. “Organizzata dall’associazione culturale Serassi che si prefigge di valorizzare il patrimonio organario in diverse regioni – spiega Zucchini – questa rassegna torna a premiare Viadana, molto ricca di questo patrimonio. Nella chiesa di Santa Maria Assunta in Castello è infatti presente l’Organo Serassi-Inzoli,(1841-1877), mentre nella chiesa di Santa Maria Annunciata è presente l’organo Serassi Amati 1776-
1851. I concerti della rassegna sono tutti di alto profilo musicale, alcuni di questi con organo. Oltre a questi l’associazione si occupa di pubblicazioni librarie ed ha il merito di aver salvaguardato numerosi organi nella loro sopravvivenza e nel deterioramento temporale”.

La tappa viadanese, promossa e finanziata dall’Amministrazione Comunale, avrà luogo (con ingresso libero) domenica 5 novembre alle 17 nella Chiesa di Buzzoletto, per valorizzare proprio questa bellissima struttura di frazione, con il soprano Elena Rossi, talento viadanese, e l’arpista Alice Caradente. Le musiciste interpreteranno arie di Verdi, di Puccini e di Mascagni. Zucchini ha ringraziato la Parrocchia di Buzzoletto per la gentile disponibilità ad ospitare l’evento.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti