Commenta

Amici Centro Italia, Cremona
e Parma di ritorno, nel
casalasco si raccoglie

I punti di raccolta sono presso Sportfoglio (via Marconi 1), direttamente nelle botteghe del mercato equosolidale a Casalmaggiore e Viadana o al comune di Martignana Po. Per info: 3383062377.

CASALMAGGIORE – Quattro viaggi di solidarietà in poco meno di otto mesi. L’ultimo domenica, sotto la pioggia battente, in centro Italia. A portare generi di conforto per animali e persone insieme al WWF Umbro nella zona di Amatrice e frazioni. Questa volta a partire sono state Cremona e Parma, tre settimane fa il viaggio era partito dal Casalasco. Sempre di AMICI CENTRO ITALIA si parla.

I viaggi di solidarietà, come raccontano i volontari del luogo, si sono affievoliti col tempo. AMICI CENTRO ITALIA sta continuando a tenere fede alla promessa fatta alle tante persone ormai divenute familiari nel cratere. Tutte quelle a cui la promessa di non essere lasciati soli è stata fatta. Si raccoglie, ci si organizza e si parte. Ogni volta le emozioni sono tante. E le lezioni apprese sono tante. Terra di gente che ha sofferto, che fa fatica, che lotta, che sorride e ti accoglie sempre a braccia aperte. Gente che chiede un aiuto, soprattutto per gli animali, e che chiede di non essere lasciata sola. L’emergenza è ancor più emergenza adesso, a riflettori spenti. Tanti, troppi i paesi e le frazioni in cui il tempo si è fermato a quell’agosto dell’anno scorso quando il cielo si fece polvere e la terra impazzita fece sentire tutta la sua forza.

A tutte quelle persone, a tutti quegli animali si è deciso di dare una mano per quel che è possibile. Sei ore di viaggio, un weekend, diversi mezzi e diversi volontari impegnati in una distribuzione che, sin dal primo momento è stata organizzata in maniera capillare, saltando magazzini e centri di raccolta per essere lì, con loro, ascoltando le loro richieste. Portare quel che serve dove serve, ripartendo ogni volta da capo.

Oltre a Sportfoglio, il quindicinale sportivo dell’area Oglio Po, sono altre le realtà locali che da sempre stanno dando aiuto e che proseguiranno a darlo anche in vista del quinto dei viaggi, previsto indicativamente il primo o il secondo weekend di dicembre. Nell’area casalasca ci sono i 4 Cats di Gussola, le botteghe del Mercato Equosolidale di Casalmaggiore e Viadana, la ditta Cantini di Vicobellignano, l’Anpana di Calvatone col suo presidente Patrizia Storti, l’Azienda Farmaceutica Municipalizzata di Casalmaggiore, c’é la Pomì VBC Volley Rosa, società in prima linea nella solidarietà sin dal primo viaggio, c’è il sindaco di Martignana Alessandro Gozzi con moglie e figlio. E soprattutto ci sono ancora numerose persone che ogni volta si rimettono in cammino, con le loro raccolte. Oltre trentacinque i mezzi scesi in quattro diversi viaggi, un numero straordinario.

Ci sono anche le realtà di Parma e Cremona che hanno, da sempre, raccolto quantità sempre maggiori di generi di prima necessità coinvolgendo le varie realtà del loro territorio. Straordinarie donne – soprattutto donne – instancabili e pronte a rimettersi in viaggio ogni volta. E dalla prossima volta si unirà al gruppo l’Associazione Share Onlus di Rovereto che sta già raccogliendo e partirà con i propri mezzi in un gemellaggio che aumenterà la forza della solidarietà.

E’ iniziata la raccolta per il prossimo dei viaggi. Si raccoglie cibo per animali da affezione (cani e gatti) con indicazioni precise. Non serve cibo di gran marca, tanta spesa e poca resa. Le scatole da 39 centesimi del discount o quelle che trovi a prezzo economico in tutti i supermercati sono oro per tanti gatti dispersi nei paesi e per i cani. Con 39 euro se ne acquistano 100. Tanto cibo per chi cibo ne vede davvero poco. Anche per il secco valgono le stesse indicazioni. L’unica richiesta fatta in una delle frazioni di Amatrice è per un cane malato, a cui serve cibo speciale per cani diabetici. Sembrerà una richiesta particolare, ma l’attaccamento agli animali é attaccamento alla vita, più forte della vita stessa. Poi ancora si raccoglie cibo per animali da allevamento. Il fioccato, che va bene per tanti (7.50 euro al consorzio agrario un sacco da 25 kg, si può pure acquistare e lasciare segnato dicendo che lo ritireranno gli AMICI CENTRO ITALIA), le granaglie per galline e quelle per i conigli, il cibo per i cavalli. Poi i prodotti per le persone. Prodotti a lunga conservazione (conserve, latte, scatolame, pasta, caffé, biscotti secchi, the), prodotti per l’igiene (detersivi di ogni tipo, prodotti per l’igiene personale, carta igienica, carte assorbenti, bagnoschiuma, saponi).

I punti di raccolta sono presso Sportfoglio (via Marconi 1, di fronte all’accesso della biblioteca Comunale), direttamente nelle botteghe del mercato equosolidale a Casalmaggiore e Viadana o al comune di Martignana Po. Per info: 3383062377. Se qualche altra associazione del territorio volesse unirsi alla raccolta e partire, AMICI CENTRO ITALIA ne sarebbe lieta. Chiunque sia sceso in otto mesi in Centro Italia sa bene di cosa si parla e sa come la distribuzione è organizzata. Direttamente sul campo, saltando il passaggio dei centri di raccolta, da chi dona a chi riceve.

AMICI CENTRO ITALIA ha una pagina facebook nella quale è possibile ripercorrere le tappe di tutti i viaggi sino a qui fatti. Nella quale è possibile rileggere, con parole ed immagini, i resoconti: nella pagina del WWF Umbria è possibile fare altrettanto.

Così scrive il WWF Umbro dopo l’ultimo viaggio di domenica scorsa. “Un grazie a chi ieri ci ha accompagnato, a Cosetta Cerri (Amici Centro Italia Cremona, ndr) e il suo gruppo che ha condiviso con noi questa giornata. Persone che continuano ad avere nel cuore questa popolazione. Ad Accumoli abbiamo visitato il nuovo centro commerciale dove un solo negozio per ora è aperto, abbiamo comperato dei prodotti tipici. Un piccolo aiuto per ricominciare. Grazie al gruppo abbiamo poi distribuito cibo a tutte le colonie dei randagi, fioccato e granaglie agli allevatori e tanto olio di oliva di semi e di soia per le famiglie, frutta verdura e torroni, il tutto distribuito sotto la pioggia, bagniati come pulcini, ma felici di vedere un sorriso sui visi di chi con gioia ci ha accolto nei loro container. Ci hanno aperto la loro casa, il loro cuore. Ci hanno offerto un piatto caldo di pasta e patate, un dolcetto, un caffè. Una promessa, quella che presto ritorneremo”. E c’è qualcosa, di ancor più importante: “Grazie a questa giornata siamo stati ricontatti da persone che ci chiedono cosa occorre, come possono aiutarci. Noi diciamo, anche con poco, ci chiedono cibo per gli animali che sono la loro vita e sopratutto fieno fioccato granaglie e crocchette”.

Il Casalasco (come il parmense e il cremonese) hanno mostrato sin ora un cuore grande. E un cuore grande stanno mettendo in campo gli amici di Rovereto. Quel cuore grande continuerà a battere per il Centro Italia, sino a che ce ne sarà bisogno.

Nazzareno Condina

© Riproduzione riservata
Commenti