Commenta

Caso Plaza a Viadana:
il Tribunale dà ragione al
comune, che si riprende i locali

"Per questo importante risultato devo ringraziare pubblicamente l'avvocato del comune Nadia Zanoni. Risultato per niente scontato. Non sempre si comprende l'immane lavoro che sta dietro alla gestione di cause complesse" precisa Cavatorta.

VIADANA – “Posso comunicare che Il tribunale ordinario di Mantova ha accolto il reclamo che avevamo formulato immediatamente dopo il rigetto della nostra richiesta di revoca della sospensiva emessa dal giudice alla sempre nostra ordinanza di rilascio e consegna dei locali (che ora diventa esecutiva), in cui si era insediata la società Plaza. Siamo molto soddisfatti di questo risultato che abbiamo ottenuto con caparbietà e tenacia insistendo, fino all’ultima possibilità, sulle nostre ragioni”. Ad annunciarlo è Giovanni Cavatorta, sindaco di Viadana, in merito alla nota vicenda finito appunto in Tribunale.

“Quindi – precisa il sindaco viadanese – dopo l’ordinanza di decadenza Scia e divieto di esercizio dell’attività commerciale che abbiamo emesso ad agosto immediatamente a seguito dell’invio da parte della Prefettura dell’interdittiva antimafia scaturita dalla nostra richiesta di informazioni alla prefettura stessa dell’anno prima, torneremo a poter disporre dei locali in oggetto. In attesa che il giudice si esprima ce li andiamo a riprendere. Questa è la miglior risposta a chi ha detto, a più livelli sia locali che sovra locali, anche recentemente, di uno scarso impegno da parte di questa amministrazione e di un’inefficacia nella nostra azione (il riferimento è al consigliere di minoranza Silvio Perteghella, ndr). Ma noi andiamo avanti convinti. Per questo importante risultato devo ringraziare pubblicamente l’avvocato del comune Nadia Zanoni. Risultato per niente scontato di un reclamo che ribalti la decisione. Non sempre si comprende l’immane lavoro che sta dietro alla gestione di cause complesse come quelle generate dal caso autostazione: due cause, due procedimenti cautelari e il pignoramento mobiliare”.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti